Tutti insieme. È questo il mood dentro la Roma descritto da Paulo Fonseca. «Stiamo lavorando insieme con l'obiettivo di fare la Roma più forte ogni giorno. Siamo tutti insieme e penso che sia importante che sia sempre così. Io ho la totale fiducia della società».

Parole chiare, in conferenza stampa per il tecnico portoghese alla vigilia di Young Boys-Roma. I giallorossi sono atterrati a Berna nel primo pomeriggio e alle 17.30 hanno sostenuto l'allenamento di rifinitura in vista dell'esordio in Europa League contro gli svizzeri. Sarà importante partire con il piede giusto nel girone per evitare complicazioni in un cammino che vedrà molti impegni ravvicinati. Per l'allenatore giallorosso non è stato un inizio di stagione facile, quanto meno per le pressioni esterne (e più di qualcuno vocifera anche interne) che ha dovuto reggere dopo il finale di stagione scorsa burrascoso in quel di Duisburg, dove si era interrotta proprio l'Europa League della sua prima stagione in Italia.

Dopo un'estate non semplice, con le vicende del passaggio di mano da Pallotta a Friedkin, Fonseca era andato in vacanza sicuro che se fosse rimasto Fienga come Ceo sarebbe rimasto anche lui in panchina. E così è stato, nonostante le tante voci. Paulo aveva manifestato le perplessità per l'assenza di un ds già in estate. L'ha ripetuto poi in ogni uscita pubblica, anche in patria, in un'intervista non concordata con la dirigenza. Anche per questo ieri a Berna è tornato sul progetto Roma che negli ultimi giorni sembra essere tornato per tutti molto interessante, con la ricerca del giusto mix di giovani ed esperti: «Sono soddisfatto, è importante avere giocatori esperti ma anche giovani come Villar, Perez e altri che abbiamo. Loro due si sono adattati di più al club al nostro calcio e sono giocatori in cui abbiamo molta fiducia per il futuro e per il presente». Un progetto che passa attraverso una rosa che dopo la partita contro il Benevento, che ha portato a una larga vittoria anche se con qualche sbavatura in alcuni episodi, sembra più lunga di quanto non apparisse nell'immaginario collettivo. Tanto che questa sera sarà possibile vedere tanti elementi diversi rispetto alla gara contro la squadra di Pippo Inzaghi: «Sì, penso sia importante fare questo turnover in questo momento, anche perché ho totale fiducia in tutti i miei giocatori», ha concluso Fonseca.