Il calcio è anche pretattica, per questo il tecnico dello Young Boys Gerardo Seoane nasconde la formazione e prova a dirottare tutta la pressione sulla Roma. «In questo gruppo c'è una chiara favorita - ha detto in conferenza stampa - La Roma è una squadra da Champions League, noi ci giochiamo il secondo posto con le altre squadre. Loro sono bravi a difendere, hanno un bel gioco e tanta qualità grazie a Mkhitaryan, Pedro e Dzeko». Gli fa eco il difensore Zesiger che lo accompagna in conferenza: «Ci aspettiamo un match molto difficile. Come si marca Dzeko? È un grande attaccante, molto forte fisicamente. Dovremo accettare tanti duelli ma sarà complicato».

Il tecnico Seona non scopre le carte ma fornisce comunque qualche spunto: «Non dirò come giocheremo ma la Roma è una squadra compatta, non avremo molte occasioni per fare gol quindi dovremo essere efficaci in avanti». Per farlo si dovrebbe affidare al collaudato 442 con Von Ballmoos tra i pali che ha vinto il ballottaggio con Faivre. Linea difensiva composta da Hefti, Lustenberger, Zesiger e Lefort, quest'ultimo in sostituzione di Garcia costretto in isolamento per aver contratto il Covid. Fermi ai box anche Lauper, Martins, Petignat e Spielmann. A centrocampo le fasce saranno affidate all'estro e alla rapidità di Sulejmani e Ngamaleu, supportati in mediana da Sierro e da uno tra Fassnacht e Rieder. In avanti il nemico numero uno è Nsame, bomber della squadra (32 gol l'anno scorso, quest'anno già a 4) che sarà affiancato da Elia.