Paulo Fonseca commenta l'eliminazione della Roma dall'Europa League. I giallorossi sono usciti sconfitti agli ottavi di finale da un Siviglia che ha dominato la gara e staccato il biglietto per il turno successivo. Ecco le sue parole dopo la gara.

Fonseca a Sky

I giocatori sono molto delusi.
"Anche io sono deluso. Abbiamo meritato di perdere. Il Siviglia in questo momento è meglio di noi, ha giocato molto meglio. Dobbiamo accettare la loro superiorità. Abbiamo fatto tutto ma è stato difficile giocare contro una squadra che ha fatto meglio di noi. Ora è facile trovare spiegazioni, il principale responsabile sono io, ma dobbiamo vedere la realtà, cioè che il Siviglia in questo momento è meglio di noi".

Rifarebbe le stesse scelte?
"Le stesse. La squadra ha vinto quasi tutte le partite ultimamente. Stavamo giocando bene con questo sistema, non avevo ragione di cambiare, se lo avessi fatto non sarebbe stata una scelta equilibrata. Ma anche con questo modulo il Siviglia è stato meglio di noi. E' difficile, ma dobbiamo accettare la realtà senza scuse: abbiamo perso e lo abbiamo fatto con una squadra che ha fatto molto meglio".

Fonseca a Roma Tv

Come può spiegare questa partita?
"E' facile, il Siviglia ha giocato meglio della Roma. In questo momento è una squadra migliore, dobbiamo accettare la realtà. E' difficile ma senza scuse, io sono il responsabile principale. Come ho detto il Siviglia è stato migliore di noi".

Secondo lei è stato un problema psicologico, tattico, di testa, come se lo spiega?
"Il problema è che il Siviglia in questo momento è migliore della Roma. Perché trovare spiegazioni senza senso? Questa è la realtà, il Siviglia è stato meglio. Noi non abbiamo trovato la miglior forma nel primo tempo, loro hanno avuto merito".

Un bilancio della stagione?
"Questo non è il momento giusto per farlo, con calma io farò il bilancio di questa stagione, ma posso dire che è una stagione positiva".

Cosa si sente di dire ai tifosi, come li vuole salutare?
"Noi abbiamo avuto grandi aspettative per questa partita, ma dobbiamo essere onesti e dire che il Siviglia ha meritato. Adesso dobbiamo pensare alla prossima stagione, abbiamo qui un gruppo con un futuro. Senza traumi e depressioni, vivere in questo momento di forma equilibrata è importante, pensiamo alla prossima stagione".