Bruno Conti ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport a proposito dell'impresa della Roma contro il Barcellona. Queste le parole del dirigente ed ex giocatore giallorosso:

Ci sono analogie rispetto al match contro il Dundee United?
"Direi di sì, a quell'epoca avevamo una grande squadra e tanta voglia di recuperare il risultato. E ci riuscimmo".

Qual è il segreto di Eusebio Di Francesco?
"Lo abbiamo visto dall'inizio, lavora da inizio settimana e inculca il suo credo. Noi siamo molto bravi a dare sentenze quando si è in difficoltà, erano 34 anni che non si arrivava in semifinale. Sta facendo grandi cose, quello che ha fatto a Sassuolo lo sta facendo anche qui, rimane sempre la stessa persona anche quando le cose vanno male, è stato bello sentirgli dire che si può arrivare in semifinale".

Lo stadio ti è piaciuto?
"Dopo la sconfitta inaspettata contro la Fiorentina il pubblico ha risposto così, è stato stupendo. Questo pubblico ti aiuta anche quando stai in difficoltà".

La calma di Di Francesco da cosa è determinata?
"Ha il vantaggio di aver giocato nella Roma e conosce bene l'ambiente, sa cosa significa giocare qui e sa che il pubblico è esigente. Quello che sta facendo come allenatore è importante. Come ha detto De Rossi, in tre giorni ha cambiato assetto tattico. Ho parlato con Totti in tribuna, se il Barcellona era quello dell'andata potevamo farcela. E così è stato".

Sul bagno di Pallotta?
"Siamo felici, lo conosciamo perché dopo la presentazione con la Roma si era tuffato in piscina a Trigoria. Non pensavo facesse questo gesto, è pieno di sorprese".

Il Liverpool?
"Ci siamo arrivati quell'anno in finale contro di loro, noi ora dobbiamo stare calmi e pensare al derby, poi sicuramente aspettiamo il sorteggio e prepareremo anche quella partita".

Come si affronta la Lazio?
"È sempre una partita a parte. Io voglio fare i complimenti a Simone Inzaghi: la Lazio sta facendo cose grandissime. Ora dopo il Barcellona abbiamo il morale alto, sarà un derby spettacolare".

Cosa vuoi dire a Giannini?
"Se vuole un po' di capelli, glieli do io. Riportategliela questa frase".