Quarantasette candeline sulle quali soffiare. Ma prima di tutto il lavoro. Il compleanno di Paulo Fonseca, il suo primo nella Capitale è cominciato con l'allenamento mattutino con la squadra sui campi di Trigoria. Per poi proseguire con gli auguri che gli sono stati rivolti da tifosi, club e perfino dalla Uefa, che gli ha dedicato un post celebrativo: a tutti ha risposto sui social con un «grazie» collettivo.

I festeggiamenti privati, quelli con amici e familiari, sono stati riservati alla serata. L'emergenza che ha investito il calcio italiano ha permesso alla squadra di rifiatare un po' dopo i tanti impegni ravvicinati, e il tecnico ne vuole approfittare per cercare di riavere in gruppo nel minor tempo possibile i giocatori ancora acciaccati, Pellegrini e Diawara su tutti.

Con gli slittamenti di calendario il prossimo impegno sarà quello di Europa League contro il Siviglia, fra poco meno di una settimana. A differenza delle gare che vedranno protagoniste anche Inter e Atalanta in Spagna, quella del Sanchez Pizjuan si dovrebbe disputarsi regolarmente a porte aperte. Mentre le disposizioni del Governo delle ultime ore chiudono al pubblico il ritorno all'Olimpico. Così come il match con la Samp, slittato di una settimana.

Per entrambe le partite si va verso il rimborso ai tifosi che hanno già acquistato i biglietti: l'ufficialità dovrebbe arrivare nelle prossime ore, forse già oggi. Nel frattempo la Roma sta studiando una formula per risarcire anche gli abbonati, probabilmente attraverso qualche bonus da utilizzare per la prossima stagione. Le decisioni indipendenti dalla volontà del club non obbligano a rimborsare chi ha sottoscritto un contratto di abbonamento, ma il club vuole in ogni caso tutelare i suoi tifosi più fedeli. Il danno vero sarà non averli al proprio fianco in due sfide decisive.