Cristiano Giuntoli, direttore sportivo del Napoli, è stato intervistato dal giornalista Sky Gianluca Di Marzio nel format "Il codice", a cui ha partecipato anche il ds della Roma Monchi. Il dirigente degli azzurri ha svelato anche un retroscena su Patrik Schick e sulla sua impressione la prima volta che lo ha visto giocare:

E' vero che quando pensi ad un problema che va risolto, chiami i tuoi collaboratori anche di notte?
"Perché quando mi viene in mente, per me quello è il momento giusto. Ancora mi ricordo quando vidi Schick in una partita che sembrava tra scapoli e ammogliati in un campetto della periferia di Serie B slovacca. Vidi questo ragazzo e corsi a svegliare il mio braccio destro Giuseppe Pompilio, erano le tre di mattina. Gli dissi: guarda ho visto un giocatore davvero forte".