Sono le vere sorprese di queste semifinali di Champions League, quelle che hanno eliminato due tra le pretendenti più accreditate alla vittoria finale sulla carta: Tottenham e Ajax stasera (ore 21) si sfidano a Londra nella gara d'andata dopo aver fatto fuori rispettivamente Manchester City e Juventus. Gli Spurs, reduci da due sconfitte nelle ultime tre gare di Premier, devono però fare i conti con l'emergenza in attacco: Kane e Lamela sono infortunati, Son è squalificato, perciò Pochettino sta valutando un 4-2-3-1 con Llorente sostenuto sulla trequarti da Eriksen, Alli e Lucas.

L'alternativa è l'opzione 4-4-2, con Eriksen e Rose sulle corsie laterali del centrocampo e Dier e Alli in mezzo. Out anche Aurier e Winks, saranno invece abili e arruolati Sissoko e Vertonghen: il primo partirà con ogni probabilità dalla panchina, mentre il belga si candida per far coppia al centro della difesa con Alderweireld. «La nostra forza è nella squadra - spiega il tecnico argentino nella conferenza della vigilia - Sappiamo che tutto è possibile: dobbiamo essere pronti, perché non capita tutti i giorni di poter giocare una semifinale di Champions». Per gli inglesi infatti è la prima volta nel moderno torneo: soltanto una volta, nel 1961-62, riuscirono a entrare fra le migliori quattro, salvo poi essere eliminati dal Benfica.


Discorso ben diverso per l'Ajax, che ha disputato sei finali, vincendone quattro. La semifinale, però, mancava dal lontano 1997, quando i Lancieri furono eliminati dalla Juventus. Strapazzati i bianconeri, i ragazzini terribili di ten Hag vogliono continuare a stupire: di fronte troveranno gli ex Eriksen, Vertonghen, Alderweireld e Davinson Sanchez. L'unico vero dubbio in casa degli ajacidi è rappresentato dalle condizioni del terzino Tagliafico, uscito acciaccato dall'ultimo match con il Vitesse. Nel caso in cui non dovesse farcela, ten Hag confermerà l'undici che ha vinto a Torino, con Veltman a destra e Mazraoui (non al meglio) a sinistra in difesa. Inamovibili de Ligt e Blind davanti a Onana, mentre i compiti di regia e interdizione a centrocampo saranno affidati a Schone e de Jong. Il talento di Ziyech, van de Beek e Neres sulla trequarti accompagnerà il sorprendente Dusan Tadic, che in casa del Tottenham ha già vinto con la maglia del Southampton nel 2016.