Il presidente dell'Eca (Associazione dei Club Europei), Andrea Agnelli, ha parlato così durante l'assemblea generale svoltasi quest'oggi ad Amsterdam.

"I nostri destini sono legati. E la nostra unità è la chiave per i nostri successi".

"La priorità deve essere, per tutte le parti interessate, l'impegnarsi in una valutazione dettagliata di come il paesaggio del calcio internazionale potrebbe evolvere post 2024. La decisione della Fifa di rinnovare la Coppa del Mondo per Club nel 2021 è una di quelle cose che ECA  non può sostenere".

Agnelli si è espresso sul tema delle competizioni europee: "Abbiamo aperto al processo di sviluppo per avere una nuova visione per il futuro delle competizioni UEFA per Club. Questo è l'inizio di un viaggio che vedrà il coinvolgimento di tutte le parti interessate. I rischi imprenditoriali di qualsiasi decisione presa nel calcio professionistico sono solo da un lato, il lato dei club. La nostra parte".

Secco no quindi da parte dell'Eca sulla nuova formula del Mondiale per Club proposta dalla Fifa. Si va verso una SuperChampions: una lega con 4 gruppi da 8 squadre, compresa di promozioni e retrocessioni, che dovrebbe partire dal 2024, data di scadenza dell'attuale calendario internazionale.