Disputare la partita in 7 contro 11 è possibile? Sì perché, regolamento alla mano, per fischiare il calcio d'inizio il limite è fissato a 6 componenti. Sembra surreale ma è tutto vero quanto accaduto questa domenica alla Pro Piacenza che si è presentata a Cuneo per giocare la ventisettesima giornata del girone A di Lega Pro con soli sette membri del settore giovanile in formazione ed un capitano-allenatore diciannovenne. Assente anche lo staff tecnico.

Una scelta estrema ma inevitabile quella della squadra piacentina per non incorrere nella quarta rinuncia (le tre precedenti erano state quelle nelle sfide con la Pro Vercelli, la Juventus Under 23 ed il Siena) e, di conseguenza, nell'esclusione automatica dalla competizione. Continua il momento difficile per il club emiliano che, a causa di un buco economico oscillante tra i 500mila e gli 850mila euro accertato tra novembre e dicembre 2018, è già parte di un procedimento fallimentare in corso di definizione.  

 Il match si è comunque disputato ed è terminato con il risultato di 20-0.