Eusebio Di Francesco ha parlato in un'intervista rilasciata a El Pais, il principale periodico spagnolo, in previsione dell'esordio della Roma in Champions League, questa sera contro il Real Madrid al Bernabeu

Dica la verità, pensava davvero di poter tracciare la partita semifinale contro il Barça?
"Nella gara di andata non meritavamo di perdere per 4-1 e la preparazione della partita consisteva nel mostrare ai ragazzi che avevamo le nostre possibilità. Eravamo in buone condizioni mentali e fisiche. Siamo stati più aggressivi e, quando è arrivato anche il primo gol, ci abbiamo creduto. Ma se si ricorda, in quel fine settimana avevo tenuto a riposo alcuni giocatori chiave durante la partita di campionato. E sono stato molto criticato".

Il Barça vi ha sottovalutati?
"Chieda a loro. Io, ovviamente, non li ho sottovalutati".

Poi è stata più difficile la sconfitta contro il Liverpool?
"Una volta arrivato in semifinale, non ti accontenti più. Ma sfortunatamente nella prima partita abbiamo commesso troppi errori. E la verità è che pensavo che avremmo potuto rimontare. C'erano alcuni episodi...".

L'arbitraggio è stato un elemento controverso in quelle partite. Cosa ne pensi dell'assenza del VAR in Champions?
"Non ero favorevole al VAR, ma se lo usi nelle competizioni nazionali, hai ancora più motivi per farlo in Champions, dove è richiesta maggiore trasparenza. Ci dovrebbe essere uniformità".

Come si prepara una partita contro il Real Madrid?
"Il Real Madrid è la squadra con la più alta qualità in Europa. Significa che fanno pochissimi errori, come nel calcio spagnolo in generale: hanno la capacità di giocare la palla facilmente e di fare piccoli errori. C'è un modo di lavorare insieme che li fa sentire più forti".

E come si combatte?
"Cercheremo di non snaturare la nostra mentalità. Giocheremo, rimanendo aggressivi. Giocheremo il nostro gioco... Pur sapendo che contro il Real Madrid è più facile che lo facciano loro. Ma non saremo lì solo per aspettare uno schiaffo, perché poi ce lo daranno. Cercheremo di darlo anche noi".

Come vedi questo Real Madrid rispetto allo scorso anno?
"Lavorano di più come squadra, più compatti. Cercano di più un pressing corale di squadra. Hanno una grande mentalità e sanno come addormentare il gioco quando necessario, anche se forse un po' meno che con Zidane. Ora sono più continui nella loro proposta".

Sono peggio senza Cristiano Ronaldo?
"Lui ha risolto molte partite, ma la squadra non ha notato la sua assenza. Il Real ha giocatori di una qualità enorme, sei titolari della nazionale. Sono come la Juventus degli anni precedenti, che aveva la base della Nazionale. E ne hanno anche uno con una sicurezza impressionante: Sergio Ramos. Ha una qualità impressionante, cambia il gioco da una parte all'altra in un modo incredibile. Lo ha fatto l'altro giorno con la Spagna, modificando il bilanciamento di un'intera squadra, anche quando si va con una forte pressione. E non tutti i difensori sono in grado di farlo, te lo assicuro".

Quali giocatori sono più difficili da fermare?
"Benzema è un attaccante fantastico. Non gioca da solo nella zona d'attacco, apre spazi e gioca. Ma io sono pazzo di Asensio. Penso che sia il futuro del calcio spagnolo, insieme a Saúl. Sa come giocare in diverse posizioni, e questo è molto prezioso".

L'anno scorso ha giocato contro il Barça e ora giocherà contro il Real Madrid. Qual è la principale differenza nell'affrontarli?
"La differenza è che con il Barça era dentro o fuori. Questo è un gruppo e cambia leggermente la prospettiva. Il Barça aveva un'organizzazione di gioco e un talento straordinario come Messi che poteva ucciderti in qualsiasi momento. Forse cercano ancora un po' il movimento della palla... Ma il Madrid ora gioca più come il Barça e il Barça come il Madrid di prima".

Entrambe le squadre hanno mantenuto l'egemonia del calcio europeo nell'ultimo decennio. Perché il calcio italiano non può uscire dalla sua fase crepuscolare?
"Abbiamo investito meno. E quelli che l'hanno fatto, come la Juve, hanno vinto tutto. Ora c'è più competitività: abbiamo acquistato giocatori più importanti e quest'anno il campionato avrà più qualità. Il fatto che Cristiano Ronaldo sia venuto in Italia fa bene a tutti".

E il declino ha colpito anche la Nazionale?
"Il fatto che giochino meno italiani nelle squadre è un fattore chiave. Ma nasce da una cultura generale nel paese in cui i giovani non hanno il tempo di crescere e di sbagliare. Per migliorare devi fare errori, e qui non si ha il tempo. La personalità non viene comprata, si acquisisce giocando con continuità e attraversando delusioni, errori e illusioni".

Parlando di acquisti di giocatori, il metodo Monchi ha grandi vantaggi. Ma questo trambusto di arrivi e partenze ogni estate, può diventare un problema?
"Può essere positivo o negativo. Dà nuova aria e stimoli, ma ci sono quelli che assimilano prima i concetti e quelli che li assimilano dopo. Ci sono vantaggi e svantaggi. Ma lo sapevo già quando ci siamo incontrati. Lui è il regista ed è giusto che io creda in lui, perché lui ha creduto molto in me. Lavoriamo insieme, non uno contro l'altro. Dividiamo i successi e i fallimenti".

Anche Totti ora è parte della squadra. Qual è stata la sua transizione dal campo agli uffici?
"È come se non avesse mai smesso di giocare. Conosce questo mestiere meglio di me e degli altri. È un vantaggio averlo e apprezzo molto la sua vicinanza e il fatto che possa sempre darci consigli. Potrebbe avere un grande futuro come team manager, ma dipende da lui. Pensa, io ho iniziato come team manager e poi sono diventato un allenatore".