Protagonista assoluto in Spagna-Croazia con un gol, tre assist e un autogol provocato, Marco Asensio ha parlato alla rivista Panenka, non nascondendo la volontà di cambiare numero di maglia in futuro. "Mi piacerebbe prendere il '7' del Real in futuro. In generale non mi piacerebbe finire la carriera con il numero '20' e con questo ho detto tutto. Mi piacerebbe cambiarlo, vedremo cosa succederà". La partenza di Cristiano Ronaldo dal Real Madrid ha dato maggiori responsabilità al nazionale spagnolo. "Con Cristiano o senza di lui, io ho sempre affrontato gli allenamenti con la voglia di guadagnarmi la titolarità e diventare più importante. Sta andando proprio così, ho iniziato bene la stagione. Non saprei dirti se la partenza di CR7 mi abbia favorito, perché lui già da un po' giocava attaccante centrale e io a sinistra". 

Zidane e la Champions

La figura di Zinedine Zidane è stata molto importante per la crescita dell'ex Espanyol. "Mi ha dato fiducia sin dall'inizio. Mi ha sempre detto di non fare caso a quello che si diceva all'esterno, perché si parla tanto, soprattutto del Real. Mi ha consigliato di concentrarmi solo sul calcio e sulla famiglia e di non perdere i valori che mi hanno portato fin qui". Il 19 alle 21 ci sarà l'esordio in Champions League contro la Roma. "Le notti di Champions al Bernabeu sono speciali, non ci sono partite che mi hanno emozionato più di queste. Ovviamente anche una finale di Champions mette i brividi, però quando giochi in casa e i tifosi ti incoraggiano, portandoti in alto con il loro sostegno, vivi sempre sensazioni particolari".