Con quattro giorni davanti a separare dalla sfida di San Siro con l'Inter, avventurarsi in ipotesi di formazione è prematuro. Ma infermeria e campo stanno profilando l'interessante possibilità di un reparto completamente "azzurro". Fra i centrocampisti che presumibilmente avrà a disposizione Ranieri per lo scontro diretto contro i nerazzurri, ci sono Cristante, Pellegrini, Zaniolo e Coric. Ma il croato non è mai stato preso in considerazione e appare inverosimile una sua investitura da titolare proprio in quella che potrebbe essere la partita decisiva per spiccare il salto verso la qualificazione in Champions. Degli altri citati, il solo ragazzo cresciuto nel vivaio di Trigoria non ha cominciato da titolare nell'ultima gara con l'Udinese, anche se è stato lo stesso tecnico a svelarne i motivi a vittoria acquisita: con diversi giocatori non al top della condizione, ha preferito preservare Lorenzo (anche lui reduce da un recente problema muscolare) e farlo entrare soltanto nella ripresa. Scelta ineccepibile, che ha dato i suoi frutti con l'ingresso del numero 7 determinante per le sorti del match prima da incursore e poi in mediana, appena De Rossi è stato costretto a dare forfait.

Pellegrini arretra

Con l'infortunio ormai alle spalle, Pellegrini è destinato a una maglia da titolare, probabilmente in posizione più arretrata, dove dovrebbe prendere proprio il posto del Capitano accanto a Cristante nella cerniera a protezione della difesa. La presenza di Nzonzi è ancora in dubbio e in ogni caso la coppia formata dai due giovani italiani appare la più dinamica possibile. Ci sarà senz'altro Zaniolo, che malgrado un fisiologico calo di rendimento rispetto al periodo di massimo exploit stagionale non è in discussione. Resta da verificare il sistema di gioco che sarà adottato dall'allenatore giallorosso, che finora ha oscillato fra il 442 e il 4231. Nel primo caso il centrocampo sarebbe completamente formato da azzurri e a forte trazione anteriore, con El Shaarawy largo a sinistra e Nicolò sul versante opposto. Se invece Ranieri dovesse optare per la batteria formata da tre trequartisti alle spalle dell'unica punta, ai due nazionali si aggiungerebbe uno fra Ünder e Kluivert, con l'accentramento dell'ex interista; o di Schick, mantenendo il numero 22 più defilato sulla destra. La Roma a Milano conterà su cinque giocatori nell'orbita della selezione di Mancini. Oltre ai quattro che occuperanno i posti alle spalle degli attaccanti, rientrerà sicuramente dal primo minuto anche Florenzi nel ruolo di esterno basso. Karsdorp e Santon sono fuori fino a maggio e Alessandro nel secondo tempo con l'Udinese è apparso in buona forma. Pronto per sfidare l'Inter.