Naim Krieziu è stato tra i più grandi doppi ex della storia della Roma e del Napoli (in giallorosso dal 1939 al 1947 e in azzurro dal 1947 al 1953 come calciatore e in seguito da vice allenatore con Amadei). Del suo intenso trascorso napoletano parlai con Marco Krieziu (grandissimo romanista) e figlio di Naim (scomparso nel 2010) che, tra le altre cose, ci disse: «Aveva un grande amore per Napoli e per questo quando mi capitava di andare per questioni di lavoro, sapendo di fargli un regalo, gli chiedevo sempre di accompagnarmi. E una volta lì, ritrovava i luoghi in cui aveva vissuto negli anni quaranta e cinquanta. I suoi ricordi puntavano soprattutto sulle vacanze a Ischia fatte assieme ad Amadei per dei rigeneranti "fanghi". Poi c'erano i pellegrinaggi alla ricerca dei ristoranti che frequentava allora. E la cosa aveva un risvolto comico, perché molti di quei locali non esistevano più o, nella migliore delle ipotesi, avevano cambiato gestione. Però il suo preferito c'era ancora, "Zì Teresa"a Borgo Marinari. Era molto bello ascoltarlo mentre rievocava e parlava della sua casa a Posillipo. Mio padre ha molto amato Napoli, ma certamente l'essere stato costretto ad abbandonare Roma fu un dolore enorme per lui».