Paulo Fonseca fa la conta, nel vero senso del termine. L'infermeria di Trigoria stenta a svuotarsi e anche la giornata di ieri al centro tecnico Fulvio Bernardini è passata all'insegna della preoccupazione per gli infortunati. Come nel giorno precedente Veretout, Smalling, Mkhitaryan e Zaniolo hanno lavorato individualmente, mentre Cristante e Kumbulla hanno svolto terapie e lavoro personalizzato. Per ognuno una situazione differente: partendo da chi non recupererà sicuramente per la partita al Mapei di Reggio Emilia in programma sabato alle 15, Mkhitaryan non ha ancora smaltito il problema al polpaccio destro (il soleo) lesionato poco più di due settimane fa. L'armeno proverà a mettersi a disposizione per la gara con l'Ajax ma non si correranno rischi di recuperarlo prima del tempo.

Marash Kumbulla ne avrà ancora per qualche settimana. Ancora ai box Chris Smalling che Fonseca aveva dato per "risparmiato" nel pre-partita di Parma-Roma visto che aveva ancora fastidi a causa di una serie di infortuni patiti in precedenza. Per l'inglese la sensazione è che non manchi troppo tempo, ma si procede con cautela. Jordan Veretout, come annunciato anche dal tecnico prima della sosta, dovrebbe tornare a disposizione per questo momento cruciale della stagione della Roma. Oggi potrebbe essere il giorno buono per rivedere il francese lavorare almeno parzialmente con i compagni. Dopo di che ci sarà solo la rifinitura di domani per preparare Sassuolo-Roma. In questo senso le prossime ore saranno importanti anche per capire la gestione di Bryan Cristante, rientrato praticamente subito dal ritiro azzurro per un problema al pube, soprattutto in vista dei quarti di finale di Europa League.

L'emergenza in difesa, con i soli Fazio e Mancini disponibili nel ruolo (Ibanez è squalificato in campionato), costringerà Fonseca a delle turnazioni obbligate. L'argentino per altro non è in lista Uefa: con l'Ajax tornerà il brasiliano fresco di rinnovo, ma sempre due saranno i centrali di ruolo se non recupererà Cristante (che è comunque adattato). Con gli esterni tutti disponibili e Reynolds uomo in più, è probabile che al Mapei il tecnico portoghese ragioni per l'arretramento di un esterno nella difesa a 3 (Jesus si è negativizzato da troppo poco tempo per poter essere rimesso in campo): Spinazzola, che l'ha già fatto molto bene è l'indiziato numero uno. Karsdorp il numero due.

Previsto per oggi il rientro degli ultimi nazionali rimasti in giro per il mondo: gli italiani ed Edin Dzeko. Prosegue infine senza intoppi il percorso di Zaniolo che dopo Pasqua inizierà gradualmente il reinserimento sul terreno di gioco: «Manca poco», ha scritto ieri sui social papà Igor, postando una foto insieme al figlio Nicolò.