Si rivede Pedro: la buona notizia da Trigoria per Paulo Fonseca in vista del derby è il rientro dell'ex Barcellona a pieno regime; il trentatreenne ieri si è allenato con i compagni per la prima volta dall'inizio del nuovo anno e punta alla convocazione nella sfida di domani. Seduta individuale invece per Mirante, Santon, Calafiori e Zaniolo. Pedro inizialmente si accomoderà in panchina, lasciando spazio a Pellegrini e Mkhitaryan sulla trequarti, ma può essere l'arma in più a partita in corso per il tecnico portoghese. Un ricambio non da poco, visti il palmarès, la leadership e le doti tecniche dello spagnolo, apparso un po' appannato nelle ultime uscite dopo un avvio straordinario dell'avventura in giallorosso. Quattro gol e altrettanti assist tra campionato ed Europa League dalla metà di settembre all'inizio di dicembre per lui, che poi ha accusato un lieve calo nel rendimento, prima di fermarsi per un sovraccarico al flessore della coscia destra. Adesso Pedrito sta meglio e non vede l'ora di tornare a disposizione di tecnico e compagni nel tour de force che attende i giallorossi tra gennaio e febbraio (quando tornerà anche l'Europa League). Pur non partendo titolare, e pur con l'Olimpico vuoto, il numero 11 avrà modo di conoscere la tensione, le emozioni e le aspettative che il derby di Roma porta con sé. Del resto, lo spagnolo è uno che di derby se ne intende, avendone giocati tanti nel corso della sua straordinaria carriera. A senso unico quelli giocati in blaugrana: la sfida tra Barcellona ed Espanyol è spesso a senso unico, tanto che Pedro ne ha giocate undici senza mai perdere; nove vittorie (alcune con goleada) e due pareggi, conditi da sei gol. A Londra, poi, il derby è all'ordine del giorno, ma per il classe 1987 il più felice è stato senza dubbio quello contro l'Arsenal nella finale dell'Europa League 2018-19: il 29 maggio, a Baku, è suo il raddoppio del Chelsea di Sarri che di fatto chiude i giochi già al 60'. Insomma, la sua esperienza in materia potrà tornare utile quando, come prevedibile, venerdì Fonseca potrà schierarlo nel corso del secondo tempo.

La probabile formazione

Fonseca va verso la conferma dell'undici titolare schierato con l'Inter: l'unico dubbio riguarda il centrocampo, dove è ballottaggio tra Villar e Cristante per una maglia accanto a Veretout. Lo spagnolo è in stato di grazia, ma l'ex Atalanta è entrato bene con l'Inter e potrebbe garantire maggiore copertura e fisicità contro il centrocampo a cinque dei biancocelesti.