Ci si mette anche la sosta. A partire da oggi, due settimane di nulla o quasi incentrate sugli impegni delle nazionali. Due settimane durante le quali Trigoria sarà depauperata dei giocatori più rappresentativi, impegnati con le rispettive selezioni.
Sono undici i romanisti convocati dalle varie rappresentative. I quattro azzurri (Florenzi, El Shaarawy, Cristante e Zaniolo) che saranno impegnati il 23 marzo contro la Finlandia e il 26 con il Liechtenstein, rientreranno il 27. Stesse date per Olsen (che con la sua Svezia affronterà Romania e Norvegia; e per Dzeko, impegnato da Capitano della Bosnia a sfidare prima l'Armenia e poi la Grecia di Manolas.
Discorso a parte meritano proprio il numero 44 e Kolarov, reduci da due infortuni, che risponderanno alle convocazioni, ma prima di sapere se essere pronti a giocare o fare rientro alla base in anticipo rispetto al programma, saranno visitati dai medici delle proprie nazionali, che valuteranno le condizioni dei due giocatori anche in base alle cartelle cliniche fornite loro dalla Roma. La Serbia dovrà giocare con la Germania il 20 e con il Portogallo il 25, per cui se il terzino giallorosso dovesse restare agli ordini del proprio ct, il suo rientro a Roma slitterebbe al 26. Le date che riguardano Manolas coincidono invece con quelle della maggior parte dei giallorossi: i due impegni della Grecia saranno con il Liechtenstein il 23 e con la Bosnia il 26, col rientro già fissato per il 27. Sempre che le condizioni fisiche del difensore gli permettano di restare a disposizione. Completano il quadro Schick, impegnato con la sua Repubblica Ceca il 22 contro l'Inghilterra e il 26 con il Brasile 26; Kluivert, con la maglia dell'Olanda Under 21 contro Usa ed Egitto il 24 e il 26; e Riccardi, che con l'Under 19 azzurra dovrà affrontare i pari età di Belgio, Ucraina e Serbia, rispettivamente il 20, 23 e 26. Per tutti il rientro a Roma è fissato per il 27. Va da sé che le presenze all'allenamento di quel giorno saranno subordinate agli orari dei voli.

Letteralmente decimata dagli impegni dei nazionali e dagli infortuni, la pattuglia a disposizione di Claudio Ranieri si ritroverà a Trigoria mercoledì. Anche perché al netto delle assenze, resterebbero in cinque a potersi allenare. Il tecnico giallorosso ha preferito permettere ai "superstiti" di tirare un po' il fiato, facendo di necessità virtù, in base all'innegabile dato che vede la Roma aver disputato finora lo stesso numero di partite di tutte le altre big d'Europa. Anche se purtroppo con differenti risultati.
Oggi comunque rientreranno i vari acciaccati: De Rossi, Pellegrini, Pastore e Ünder, che proseguiranno nei programmi di gestioni personalizzate. Il turco ha approfittato dei due giorni di riposo concessi da mister Ranieri, per concedersi una pausa nella sua Instanbul, come testimoniato da una foto pubblicata sul suo profilo Instagram ufficiale, nella quale è immortalato di spalle mentre guarda il mare. Lo slogan del post è un eloquente «Sogno in grande».