Il settore giovanile della Roma ha perso uno dei suoi migliori elementi, la stellina dei Giovanissimi Regionali Leonardo Rossi, già promosso sotto età in Under 15 dallo scorso gennaio. La prossima stagione la giocherà lontano da Trigoria, quasi certamente al Milan, che ha vinto la concorrenza per il giovanissimo centravanti, che tra due giorni compirà 14 anni. L'età in cui si firma il vincolo, diventando giovane di serie, uno status che lega il ragazzo al club d'appartenenza fino al primo contratto professionistico (o allo svincolo, automatico a 19 anni). Chi non lo firma, però, può andare dove vuole, sfruttando anche il fatto che dai 14 anni le società professionistiche possono prendere ragazzi di fuori regione, senza bisogno del cambio di residenza del capofamiglia.

Il precedente Rosa

Un anno fa era capitato con Alessio Rosa, pure lui centravanti, che lasciò Trigoria e firmò per l'Atalanta, prendendosi subito un posto da titolare e una serie di convocazioni con l'Italia Under 15, ora tocca a Rossi, che era salito sotto età - segnando già all'esordio, con il Palermo, bilancio finale 14 presenze e 5 reti - proprio perché la Roma nei 2003 non aveva trovato un numero 9 all'altezza di quello passato a Bergamo. Con i 2004, del resto, Rossi nei primi mesi del 2017-18 aveva segnato quasi 2 gol a partita: 22 centri in 12 apparizioni. Due volte lo avevano tenuto in panchina, entrambe le volte era subentrato e ne aveva fatti tre. Dopo l'eliminazione con i 2003, era tornato con i coetanei, per semifinale e finale del campionato regionale: in quella che rimarrà la sua ultima partita in giallorosso, Roma-Urbetevere 4-0, ha firmato una tripletta. Ripartirà dall'Under 15 del Milan: mancano ancora le firme, ma i rossoneri hanno avuto la meglio sull'Atalanta, che dopo Rosa aveva provato il bis.