Dopo 20 partite - più quelle dell'anno scorso - i 2002 sono rimasti a secco: 0-0 a Perugia, contro un avversario battuto 14-0 all'andata. Ma il secondo pareggio stagionale, dopo il 2-2 a Crotone del 20 febbraio, è stato sufficiente a garantire alla Roma Under 17, prima ancora dell'inizio della primavera, l'aritmetica certezza della vittoria nel girone, con 11 punti di vantaggio sulla seconda a 4 partite dalla fine (ma il Napoli - come i giallorossi, che si fermeranno domenica - deve ancora osservare il turno di riposo). Era una Roma rimaneggiata, oltre che un po' sazia, quella che non è riuscita a sbloccare la gara dell'antistadio Renato Curi: mancavano Cancellieri e Zalewski, i due migliori talenti offensivi della squadra, oltre al capitano, Tripi. Zalewski era già a Glasgow, con la Polonia Under 17, con cui domani debutterà nella seconda fase di qualificazione all'Europeo, contro la Russia. Nel girone anche il Portogallo e la Scozia, in quello di ottobre c'erano Finlandia, Lussemburgo e Francia: per il fantasista della Roma tre presenze e un gol.

Debutterà domani, contro la Turchia, padrona di casa, anche l'Italia, ma Carmine Nunziata non ha convocato giallorossi: Calafiori, senza l'infortunio al ginocchio, ci sarebbe stato sicuramente, Bove e Milanese, provati negli ultimi mesi, non sono stati confermati, come Matteo Cancellieri, che pure è stato in ritiro con la nazionale fino a sabato. L'attaccante giallorosso, 17 gol in 18 partite con la Roma quest'anno, è stato escluso quando la lista dei 24 convocati per lo stage di preparazione è stata ridotta a 20, per le gare. Piccareta gli ha concesso (ovviamente) la domenica libera, dando, al suo posto, una chance a Travaglini, sostituito a mezz'ora dalla fine da Ciervo.

Mancava anche Tueto Fotso, che dopo 21 gol in 15 partite con i 2002, con cui ha giocato anche negli anni passati, per la prima volta è stato mandato a giocare in età, con i 2003, che invece a Perugia hanno vinto, 5-2, mantenendo i 6 punti di vantaggio sul Benevento. Gli ultimi tre gol li hanno segnati i due esterni d'attacco, Cassano (2) e Sarno (1), che hanno già debuttato sotto età con l'Under 17: potrebbero trovare spazio anche loro, nelle ultime tre gare, contro Pescara, Palermo e Cosenza. E poi via, con i quarti di finale, per provare a prendere quello scudetto che per due anni di fila i 2002 hanno visto sfuggire in semifinale.