Giovani

Under 18: vittoria in rimonta col Cesena grazie a un super Bolzan

Due volte sotto, ci pensa una tripletta del capitano. Tre esordi: sotto età Bellucci e Bah, poi Totti junior, sotto gli occhi di papà Francesco

Bolzan sugli sviluppi di un corner

Bolzan sugli sviluppi di un corner (MANCINI)

29 Novembre 2022 - 13:23

La presenza di Totti in tribuna, venuto a vedere l’esordio nella categoria del figlio, ha fatto passare un po’ in secondo piano i contenuti della partita dell’Under 18, che domenica pomeriggio ha vinto in rimonta contro il Cesena, grazie a una gran prova del capitano, Alessandro Bolzan, centravanti decentrato all’ala sinistra, autore di una tripletta di eccellente fattura, con il gol del pareggio al 90’, e quello della vittoria al 93’, in rovesciata. Per la squadra di Tanrivermis, andata due volte in svantaggio, è la quinta vittoria consecutiva, buona per consolidare il secondo posto, riducendo da 6 a 3 il distacco dalla Fiorentina capolista, che ha rimediato (come ha urlato più volte uno spettatore ai giocatori, durante la gara) la prima sconfitta stagionale, sul campo dell’Empoli. Formazione inedita per i giallorossi: tra i pali debutta il 2006 Bellucci Marin, va in panchina Razumejevs, che è anche terzo della Primavera. Ancora out Ivkovic, in regia c’è Cichella, prima da titolare sulla destra per De Angelis, a sinistra Mannini, difesa e attacco senza sorprese, con il 2006 Nardozi all’ala destra. In panchina Joao Costa, abitualmente in Primavera: non è stato bene, ha ripreso gli allenamenti da pochi giorni. Con lui il gambiano Muhammed Bah, cugino di Darboe, presente in tribuna: è un classe 2007, sotto età di due anni, sabato mattina era in campo con l’Under 17. Il Cesena, che schiera due gemelli, Federico e Filippo Valentini, ha in panchina il 43enne Nicola Campedelli, che giocava in prima squadra – prima di passare a Salernitana e Modena – quando il presidente era il fratello Igor, subentrato alla dinastia dei Lugaresi. Avvio vivace ed equilibrato, ma all’11’ è il Cesena a portarsi in vantaggio: Filippo Valentini di testa anticipa l’uscita di Bellucci Marin, davanti alla linea corregge in rete il centravanti, Ceveri. La Roma ci mette un po’ a reagire, al 19’ ci prova di testa D’Aprile in area avversaria, tre minuti dopo Misitano si libera bene per il destro dal limite, bloccato da Veliaj. E al 27’ arriva il pareggio, con un calcio di punizione di capitan Bolzan. Al 32’, su cross di Cavacchioli, Misitano va giù in area, l’arbitro fischia il fallo in attacco, due minuti dopo il centravanti prova il tiro, su cross di Nardozi, deviato in angolo. 

Cambi di modulo

Dopo l’intervallo c’è Joao Costa all’ala destra al posto di Nardozi, il brasiliano prova subito a rendersi pericoloso andando in pressione sul portiere, finendo per fare fallo in attacco. Al 9’ percussione di Cavaccchioli, palla per De Angelis, destro da fuori, a lato di poco: a fine azione il numero 8 esce, al suo posto Marazzotti. Al 13’ Cesena di nuovo in vantaggio: la difesa si dimentica di Filippo Valentini, colpo di testa ravvicinato, gran riflesso di Bellucci Marin, che però non può nulla sul tocco ravvicinato di Riccardo Campedelli che vale il 2-1. Ienco parte palla al piede dalla sua metà campo e va al cross, che però finisce tra le braccia del portiere, Marazzotti prova il tiro di prima intenzione appena dentro l’area, palla alta. Poi di nuovo Ienco al cross, il portiere allontana di pugno, superandosi su una deviazione ravvicinata in spaccata di Misitano. Poi Tanrivermis si gioca altri due cambi: Tarantino al posto di Misitano al centro dell’attacco, esordio per Bah che rileva Mannini in un centrocampo che passa da tre a due uomini, con Marazzotti che avanza a fare il trequartista, dal 4-3-3 al 4-2-3-1. Costa mette in mezzo un bel cross, nessuno devia, nuovo cross da sinistra di Ienco, Bah colpisce di testa, blocca il portiere. Al 37’ punizione cross di Cichella, colpo di testa parato, Bolzan è in agguato ma la mette sull’esterno della rete. Si rifarà presto. Al 46’ cross di Bolzan, tiro di Bah ribattuto, Tarantino non arriva e chiede (invano) una trattenuta in area. A tre minuti dalla fine Tanrivermis butta dentro a centrocampo anche Totti jr, al posto del terzino sinistro Ienco, varando una sorta di 3-3-3-1. E al 90’ arriva il pareggio, firmato da Bolzan, che riceve palla spalla alla porta nella lunetta, controlla, ed è rapidissimo a girarsi, infilando il pallone del 2-2 all’angolino basso. La Roma si riversa in avanti alla ricerca del gol della vittoria, e rischia moltissimo in contropiede: Gramignoli scivola invece di tirare, con la porta vuota. E invece, al 93’, sono i giallorossi a passare, con una gran rovesciata dello scatenato Bolzan. Finale convulso, il Cesena – che fino a pochi minuti prima aveva fatto di tutto per far passare secondi – mette due giocatori alla ricerca del pareggio, e uno di loro si fa buttare fuori subito, per reciproche scorrettezze con Cichella: finisce al 54’, buio e riflettori accesi, e grande esultanza per un successo bello e sofferto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA