Le parole

Touadi: "Il mio sogno è giocare in Serie A con la maglia della Roma"

Il difensore centrale dell'Under 18: "Totti e Smalling i miei idoli. L'inglese è un ragazzo serio e umile. Spero di diventare come lui sia fuori sia dentro al campo"

Smalling e Touadi

Smalling e Touadi

La Redazione
09 Dicembre 2022 - 19:54

Alle 17.45 su Rai Gulp è andata in onda la prima puntata di "Offside Racism", un programma che racconta la storia dei ragazzi dei settori giovanili delle squadre di Serie A. La prima puntata ha visto come protagonisti Jean Paul Touadi (giocatore della Roma Under 18) e Chris Smalling.

Cosa significa per te giocare a calcio?
"Giocare a calcio mi da una sensazione di libertà e spensieratezza, quando giochi dimentichi tutto e ti concentri sul campo".

Quando è nata la tua passione per il calcio?
"La mia passione per il calcio è delle elementari durante la ricreazione, da lì mi sono iscritto a una scuola calcio, dove ho giocato per un anno. Alla fine mi hanno chiamato per un provino alla Roma, sono stato preso e sono qui da 10 anni".

Qual è il tuo primo ricordo col pallone?
"Il mio primo ricordo con la palla è con le mie sorelle al mare. Per me è un ricordo molto felice".

In che ruolo giochi?
"Sono difensore centrale, capita spesso che il nostro lavoro venga sottovalutato da fuori, facciamo un lavoro sporco, le copertine vanno a chi fa gol, il nostro lavoro però è fondamentale per la squadra".

Quali sono le tue caratteristiche principali?
"La mia caratteristica principale è la forza mentale, per noi difensori è fondamentale. Dobbiamo essere bravi a lavorarci in settimana e poi trasportarlo in partita per 90 minuti".

Cosa significa far parte di un gruppo?
"Per me il gruppo è fondamentale anche per vincere in campo, non esiste una squadra vincente che non è unita. Ci si deve aiutare l’un l’altro andando nella stessa direzione sempre".

Sui compagni di squadra.
"I miei compagni oltre che amici sono anche delle persone a cui posso confidare le mie preoccupazioni, sono punti di riferimento sia in campo sia fuori. Ethan (Bouah, ndr) è sicuramente uno dei ragazzi che mi ha aiutato di più, noi due condividiamo le nostre origini, lui è della Costa D’avorio io del Congo. Ci siamo sempre aiutati, ha sempre una buona parola nei momenti difficili, ho un rapporto stretto con lui".

Sull'allenatore.
"Il nostro allenatore (il turco Tanrivermis, ndr) è esigente, ci conosciamo da 3 anni, si fida di me, sono vice-capitano, è una grande responsabilità, ma è anche un orgoglio. Mi ha dato fiducia e mi ha fatto migliorare, gliene sarò sempre grato".

Cosa significa per te indossare la fascia da capitano?
"Per me indossare la fascia è significativo per quelli fuori, dentro la squadra ognuno si deve sentire capitano e dare l’esempio giusto ai compagni, andiamo tutti nella stessa direzione, l’obiettivo comune si raggiunge solo se siamo uniti".

Sulla famiglia.
"In casa con me vivono mia sorella, che è più grande e fa l'università, mio fratello piccolo di 11 anni, e mio padre che viene dal Congo, ma che è in Italia da 30 anni. Ho anche un’altra sorella, che studia a Parigi. Mia nonna è ancora in Congo, vive lì. L’ultima volta che l’ho vista avevo 9 anni, è venuta qui per la mia comunione, non ci sentiamo spesso, ma mio padre mi dà sempre sue notizie".

Sulla vita extra-campo.
"Quest’anno essendo nell’Under 18 ci alleniamo la mattina. Ora frequento la scuola interna a Trigoria. Il mio progetto è continuare gli studi e andare all’università. Ci vuole organizzazione, pazienza e umiltà. È un impegno che ho preso e voglio portarlo avanti".

Chi sono i tuoi migliori amici?
"I miei migliori amici in squadra sono Ethan (Bouah, ndr), Fabrizio (Marazzotti, ndr) e Matteo (Chichella, ndr), ci gioco da 9 anni. Si è creato un legame anche fuori dal campo".

Quali sono i valori del calcio per te?
"Il rispetto per l'avversario, per la squadra, e saper vivere in un gruppo. Sicuramente poi c'è anche l’inclusività. A questo sport può giocare chiunque, al di là della provenienza".

Sul razzismo nel calcio.
"Secondo me il legame che unisce il razzismo e il calcio è l’ignoranza. C’è molta invdia tra queste persone, che vedono i giovani calciatori come persone ricche e popolari. Se la prendono perché loro non ci sono riusciti".

Cosa faresti per limitare il razzismo negli stadi?
"Sicuramente cambierei le regole per chi fa cori razzisti o discrimina un gruppo di persone. Ci vogliono regole più drastiche, perché queste persone non devono più entrare negli stadi".

Qual è il tuo sogno?
"Il mio sogno è di giocare in Serie A con la maglia della Roma, con la fascia della capitano. Tifo per i giallorossi fin da piccolo, poterla rappresentare ad alti livelli sarebbe un sogno per me".

Quali sono i tuoi idoli?
"Totti è il mio idolo, per i tifosi della Roma è un simbolo. Anche Smalling, che gioca nel mio stesso ruolo, lo è. Lo vedo simile a me, è un ragazzo serio, concentrato e umile. Spero di diventare come lui, sia in campo sia fuori".

© RIPRODUZIONE RISERVATA