Un altro spreco. La Roma Femminile pareggia 1-1 in casa contro la Florentia San Gimignano. «Abbiamo lavorato sulle nostre lacune in fase di realizzazione», aveva detto Bavagnoli alla vigilia: un lavoro ancora non si traduce sul campo e costa due punti persi alle giallorosse. Nel primo tempo la squadra crea tanto, e non è una novità, e lo fa anche con significativa facilità. La Florentia non è un avversario da poco, ma Giugliano spostata a mezz'ala riesce a dare fluidità al possesso, scambiando spesso con Serturini, come al solito la più pericolosa. Il vantaggio lo firma proprio la numero 15 al quarto d'ora, sfruttando un'ottima apertura di Pettenuzzo (al secondo assist stagionale). Mentre le avversarie cercano di reagire la Roma gioca bene ma non segna. Ha dell'incredibile l'errore di Lazaro al 27' che, servita da Bonfantini al termine di una bella azione corale, spara alto a porta vuota. Poco dopo ci si mette anche la sfortuna che fa stampare sulla traversa un gran destro di Serturini. Sciupa una chance anche Bonfantini, per un primo tempo che le giallorosse chiudono con dodici tiri e un solo gol. Numeri che stanno caratterizzando la stagione e che condizionano anche la sfida del Tre Fontane. Nella ripresa la squadra di Bavagnoli non riesce a trovare il raddoppio, seppur meritandolo, e al 75' viene colpita. La solita Martinovic, ex Res Roma che quando vede giallorosso ha il dente a dir poco avvelenato, sfruttauna distrazione di Swaby al centro dell'area e batte Ceasar di testa (il portiere ex Milan, al ritorno da titolare, porta comunque a termine una gran prestazione).

Poi il canovaccio è nuovamente quello visto nelle partite precedenti. La Roma non molla e prova a recuperare, ma senza riuscire ad agguantare i tre punti. Da segnalare anche un ottimo ingresso in campo di Corelli che in meno di 10' colpisce un palo e sfiora all'ultimo secondo il gol del 2-1. Sfiorare però non basta. Certamente non basterà questo tipo di prestazione a dare fastidio alla Juventus nella sfida di sabato alle 12.30. Con la vittoria del Milan sulla Fiorentina la Champions ora più che obiettivo è una chimera e le motivazioni sono davanti agli occhi di tutti. Nel 2018-19, alla prima partecipazione della Roma in Serie A, a questo punto della stagione i punti erano gli stessi di oggi. Sono tredici in nove giornate e sono frutto della tante occasioni sprecate. Nulla di nuovo.