Arriva la prima vittoria in trasferta della Roma Femminile e arriva soffrendo, anche troppo. Battuta 3-2 la neopromossa San Marino Academy alla sesta di campionato, con una prova che è specchio delle diverse incertezze messe in luce nelle ultime giornate, anche a fronte di qualche iniziativa strategica leggermente diversa dal solito. Una di queste è Bartoli schierata sulla fascia destra con Soffia a sinistra, e dal capitano arriva il cross per il vantaggio siglato Paloma Lazaro (10'). Sulla fascia del terzino ex Verona però Muya trova tanto spazio e una delle sue progressioni fino al cuore dell'area vale il rigore trasformato da Barbieri per il momentaneo (a dir poco) 1-1 al 42'. Passa poco più di un minuto e ancora Lazaro, alla quinta rete in stagione, trova la doppietta con un colpo di testa. La risposta delle neopromosse non si fa attendere e un altro minuto dopo di nuovo Barbieri si tuffa su una conclusione respinta non al meglio da Baldi e fa 2-2.


Il colpo di testa di Lazaro valso il momentaneo 2-1 e la doppietta personale @LaPresse

Si va negli spogliatoi dopo una doccia fredda, la consapevolezza per la Roma di essere in netta difficoltà in una gara che sulla carta avrebbe dovuto quantomeno controllare dall'inizio. Bavagnoli allora cambia Soffia e Thomas, entrambe autrici di una prova negativa, e manda dentro Erzen e Bonfantini. Con la slovena (e Bartoli di nuovo a sinistra) la difesa è un po' più coperta. Le iniziative offensive giallorosse però si traducono la maggior parte delle volte in cross dal fondo senza un reale destinatario dentro l'area, con l'aggiunta di diversi errori anche in fase di impostazione.

A quel punto l'allenatrice passa a un 4-2-3-1 con Giugliano abbassata sulla linea mediana rispetto alla posizione iniziale da regista avanzata. A fronte di una gara tutt'altro che convincente, quello che va premiato della Roma è la tenacia. Sono tanti i tentativi sbagliati e poche le idee per portare a casa la gara, ma un guizzo dell'accoppiata Corelli-Serturini vale il 3-2. Venuta incontro sulla trequarti la spagnola imbuca per la numero 15 che controlla col destro e batte Ciccioli a due dalla fine. È il terzo gol consecutivo per lei che sta ritrovando la forma ottimale, proprio quando alla squadra sta mancando qualcosa. Stavolta non mancano i tre punti ed è ciò che conta, ma la prima vittoria in trasferta è stata molto sofferta, anche troppo.