ASCOLTA LA RADIO RADIO  
L'allenatore

VIDEO - Spugna: "Non era scontata la prestazione di oggi. Pilgrim ha qualità e talento"

Le dichiarazioni dopo la vittoria in rimonta contro il Napoli: "Abbiamo una rosa che ci permette di giocare ogni 2-3 giorni. Contento per Kramzar"

La Redazione
07 Febbraio 2024 - 18:07

Alessandro Spugna ha rilasciato delle dichiarazioni in zona mista dopo la vittoria per 3-0 contro il Napoli. La sua squadra, grazie a questa meritata vittoria, vola così in semifinale di Coppa Italia. Di seguito le sue parole. 

Spugna, partita perfetta con un primo tempo magnifico. Poi nel secondo tempo avete controllato e ribaltato il risultato.
"Perfetta no. Non esiste una partita perfetta (ride, ndr). Abbiamo fatto una buona gara perché l'abbiamo gestita bene rispetto alle forze fisiche che avevamo perché non dimentichiamoci che due giorni fa abbiamo giocato contro la Juventus, quindi non era scontato. Nel primo tempo abbiamo psinto per mettere quanto meno il risultato in parità. Poi avevamo 45' dove potevamo sfruttare qualche cambio e così è stato. Chi è entrato ha riaccellerato e ci ha dato la possibilità di passare il turno. Sono molto contento per Kramzar perché arrivava da un periodo difficile con un lungo infortunio: è entrata ed è stata decisiva. Sono molto contento per lei". 

Un commento su Pilgrim e Valdezate?
"Parto da Valdezate. Lei è una giocatrice a cui noi teniamo molto e che sta lavorando bene. Quello difensivo è un reparto che non puoi permetterti di cambiare troppo però in queste ultime tre gare avrà sicuramente spazio. Lei lo sa e ne abbiamo già parlato. Pilgrim è entrata nuovamente bene in campo. Lo ripeto, lei è una giocatrice che ha talento, deve solo arrivare nella condizione migliore. Quando tornerà dalla sosta delle nazionali tornerà a pieno regime a tutti gli effetti. Oggi è stata determinante con l'assist e tanti uno contro uno nello stretto". 

Oggi ha lasciato diverse pedine fondamentali in panchina. È stata una scelta tattica o forzata a causa dello stato di forma delle giocatrici? 
"Abbiamo una rosa molto ampia e possiamo gestire bene le forze. Kumagai veniva da 95' con la Juventus ed era piuttosto stanca e se le cose si fossero risolte prima pensavamo di non farla entrare. Invece è entrata e ci ha aiutato molto. I cambi sono stati fatti per dare un po' più di freschezza lì davanti perché avevamo abbassato l'intensità e dovevamo riaccellerare la partita". 

Perché non abbiamo visto Giacinti e Viens insieme?
"L'idea c'era anche stata, ma dovevamo metterci con due centrocampiste in 4-2-4, ma avremmo perso un po' di equilibrio. Se oggi prendevamo un gol la partita si sarebbe complicata".

È mai subentrata un po' di frustazione pensando anche alla gara d'andata?
"Quella partita lì è arrivata in un momento in cui noi eravamo stanchi. L'abbiamo giocata non bene. Riguardandola, però, abbiamo creato tantissimo. Oggi la cosa importante era macinare di nuovo gioco creando occasioni". 

Sabato c'è di nuovo il Napoli. Rispetto ad oggi che partita possiamo aspettarci?
"Noi abbiamo un obiettivo unico in queste tre partite che è vincere. Dovremmo andare a fare una partita come quella di oggi cercando di fare gol. Domani capiremo chi sta meglio e chi meno. Oggi però abbiamo una rosa che ci permette di giocare ogni 2-3 giorni con senerità".

Spugna ai microfoni ufficiali del club 

Serviva ribaltarla, obiettivo raggiunto.
"Sì, obiettivo raggiunto giocando anche una buona gara. Anzi, direi ottima. Fin dai primi minuti abbiamo spinto, conquistato la metà campo loro, gestito la palla, mossa bene creando diverse occasioni. Nel primo tempo siamo riusciti quantomeno a ristabilire la situazione di parità, poi nel secondo tempo dovevamo fare il terzo gol e ci siamo riuscite. Ora siamo in semifinale, è un bell'obiettivo raggiunto. Eravamo in un momento non facilissimo, essere riusciti a ribaltare questo risultato è un bel segnale".

Sembra che la squadra sia in salute, ritrovata: cosa le è piaciuto di più della gara di oggi?
"Mi è piaciuto tutto: l'atteggiamento, la voglia di ribaltare il risultato da subito, voglia che si era percepita durante l'allenamento di ieri di rifinitura. Volevamo vincere a tutti i costi la partita, potevamo farlo, ma serviva intelligenza. Nel primo tempo il Napoli non si è mai affacciato nella nostra area, nel secondo tempo abbiamo rischiato una volta, ma nell'arco dei novanta minuti ci può anche stare. Il fatto di aver giocato con molto equilibrio, creando tante occasioni, mi è piaciuto molto".

Zara Kramzar segna un gol decisivo, il terzo di questa gara, non è la prima volta che lo fa. E ha solo 18 anni.
"Sono molto contento per lei perché veniva da un periodo difficile, con degli infortuni. Il fatto che oggi sia entrata, decidendo la gara, è una cosa molto bella. Ma lei è una calciatrice forte, lo sa, deve solo avere la pazienza necessaria perché per noi è molto importante".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags: