Buona la prima per la nuova Roma di Alessandro Spugna. Ieri alle 17 le giallorosse sono scese in campo per la prima amichevole stagione: a Rivisindoli hanno battuto 1-0 il Napoli di Pistolesi. Spugna si è subito affidato alle nuove arrivate, schierate tutte e tre dall'inizio: Di Guglielmo terzino destro, Glionna esterno a destra e Pirone al centro dell'attacco. Hanno completato il primo undici iniziale Ceasar in porta; Linari, Swaby e Bartoli in difesa; Greggi, Bernauer e Giugliano a centrocampo e Serturini sulla fascia sinistra.
Le giallorosse, con la coccarda tricolore al centro del petto per la vittoria della Coppa Italia, sono passate in vantaggio dopo 20' con Benedetta Glionna. La numero 18 ha raccolto un lancio a scavalcare la difesa di Bernauer e con un morbido pallonetto ha superato Aguirre. L'estremo difensore del Napoli si è poi superata con un'intervento di puro istinto su una conclusione ravvicinata sempre di Glionna, arrivata puntuale all'appuntamento su un cross basso di Serturini, tra le più attive.
Ad inizio ripresa Spugna inserisce Baldi, Soffia e Pettenuzzo. La Roma continua a cercare il raddoppio: Serturini dribbla il diretto avversario e cerca Pirone, che però non riesce a deviare verso la porta. A 20' dalla fine, spazio anche per Tall, Gallazzi e Vigilucci, mentre all'80' sono entrate Ciccotti e Pacioni. Nell'ultima azione degna di nota, palo di Gallazzi.

Parla il tecnico

«Arrivavamo da 7-8 giorni di ritiro con carichi importanti, sapevamo che non potevamo essere brillanti da subito. Abbiamo fatto una buona gara, dando spazio a tutte le ragazze che hanno partecipato al ritiro ed è importante». È soddisfatto Spugna dopo la prima uscita stagionale. «Il gruppo è stato fantastico, si sono allenate tutte benissimo. La settimana è stata positiva, al di là dell'aspetto tecnico-tattico, anche proprio del coinvolgimento delle nuove. Abbiamo messo delle basi per un po' di idee, dobbiamo continuare sulla base di quello che la squadra ha fatto nella scorsa stagione. Dobbiamo cercare di migliorare qualche aspetto, ma abbiamo iniziato molto bene».