Domani alle ore 18 i palloni tornano ad animare Campo Testaccio. In occasione dell'inaugurazione dell'opera della street artist inglese Lucy McLauchlan, realizzata per l'associazione Forgotten Project con lo scopo di puntare i riflettori sugli impianti sportivi dimenticati nel centro di Roma, sarà organizzato un torneo di palleggi dove sorgeva il leggendario stadio della Roma nel quartiere giallorosso per eccellenza.

Tanti sono i casi eclatanti di impianti sportivi dimenticati: dalla "Pinna di squalo" dell'archistar Santiago Calatrava e il suo complesso olimpionico incompiuto a Tor Vergata, allo Stadio Flaminio e l'ex Velodromo solo per citare gli esempi più chiacchierati. Accanto a questi, anche alcune piccole strutture di quartiere condividono lo stesso destino.

Come sempre Forgotten Project sceglie di intervenire su un edificio emblema della categoria, approfondendone gli aspetti architettonici, antropologici e sociali attorno ad esso. Questa volta si tratta di un simbolo della città, un non-luogo come l'ex Campo Testaccio e ci si avvarrà dell'eleganza dell'artista Lucy McLauchlan per parlare del futuro di un'area destinata allo sport più popolare della nazione. Inoltre per l'occasione Absolut Vodka, che sostiene Forgotten Project e ha promosso l'intervento, accoglierà gli ospiti e brinderà con un welcome cocktail

Le regole per partecipare

Per partecipare al torneo di palleggi, innanzitutto è necessario registrarsi online a questo indirizzo. L'appuntamento poi è alle ore 18.30 all'ingresso della Biblioteca "Enzo Tortora" (Via Nicola Zabaglia 29-43). Il turno finisce quando la palla rimbalza a terra, è toccata con una parte del corpo non valida nel calcio (braccio, avambraccio, mano) o quando impatta su strutture fisse e/o altre persone. Chi effettuerà il maggior numero di palleggi vincerà un pallone da calcio personalizzato dall'artista. Chi batterà il record mondiale di 50.970 palleggi vincerà invece una serigrafia numerata e firmata dall'artista. In alternativa, le serigrafie numerate e firmate dall'artista saranno comunque disponibili sul sito ufficiale del Forgotten Project.