Paulo Fonseca, allenatore della Roma, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita in casa della Sampdoria, valida per la trentaquattresima giornata di Serie A e in programma domenica 2 maggio alle 20:45

Con la vittoria sulla Samp del 3 gennaio era terza sopra Milan, Atalanta, Juventus e Lazio. Ora è settima. Qual è il suo rimpianto?
"Vero, eravamo sempre nelle prime quattro. Penso che a marzo abbiamo iniziato a non stare bene. Ci sono mancati giocatori importanti in una fase decisiva della stagione e penso che questa mancanza è stata decisiva".

Qual è il consiglio per rinforzare questa Roma che darebbe alla proprietà?
"Sono l'allenatore e non devo dare consigli alla società. Faccio solo il mio lavoro e sono focalizzato sulle partite che mancano".

Pensa sia stato sbagliato qualcosa con Veretout, El Shaarawy e Spinazzola?
"Onestamente qualcosa sì. Parlo di Veretout e Spinazzola. Jordan si è allenato, ha giocato contro il Cagliari. Leonardo lo stesso, senza problemi. Tutti i segnali erano positivi. In questo momento avevamo bisogno di questi giocatori, era importante farli giocare. Oggi avrei fatto lo stesso".

Ci può dire all'intervallo della partita quale è stata l'indicazione condivisa con i giocatori. Ritiene sia stato sbagliato qualcosa?
"Abbiamo visto Manchester e abbiamo preparato una strategia che ha funzionato nel primo tempo. Cambiare la strategia che stava funzionando non era una cosa che aveva senso, dovevamo continuare con quello che stavamo facendo. Dopo è successo quello che è successo, ma noi nell'intervallo abbiamo parlato e ci siamo detti che dovevamo continuare a giocare così perché stavamo facendo bene".

Come si trovano gli stimoli per chiudere questa stagione?
"Sono un professionista e amo il calcio, per questo sono motivato fino alla fine. Tutti qui dobbiamo essere seri e professionisti e difendere la Roma con le stesse motivazioni".

La Roma vale la posizione che occupa?
"I bilanci si fanno a fine stagione".

In questo finale di campionato potremo scoprire di più Fuzato?
"Sì, è una possibilità con queste partite in pochi giorni".

Domani come affronteremo questa partita visti i tanti infortuni?
"Giocheremo con una squadra forte, abbiamo preparato la partita e ho sentito i ragazzi bene. Abbiamo problemi e non molte soluzioni, ma entreremo in questa partita con una squadra forte e motivata per vincere".

Che partita si aspetta domani?
"Difficile, la Sampdoria sta facendo un grande campionato. Sono forti fisicamente e intensi, sarà di sicuro una gara difficile".