Closing e mercato. Nel senso che come sarà ufficiale il passaggio di proprietà, la priorità sarà il mercato, con obiettivo immediato cominciare la costruzione della prima Roma targata Texas. Allenatore, direttore sportivo e calciatori. Per il tecnico, nonostante le voci di un possibile arrivo di Pochettino, al momento risulta che Fonseca, come previsto dal suo contratto biennale, avrà la sua seconda chance (e i rinnovati tentativi di acquistare Smalling, come vedremo, ne sono una prova visto che il portoghese non ha mai nascosto di poter lavorare ancora con il difensore). Per il direttore sportivo che sicuramente arriverà, il nome che continua a essere il più gettonato è quello dello spagnolo Planes che, oggi, dopo la giunta straordinaria del Barcellona, potrebbe essere licenziato e quindi rimanere disoccupato (si fa per dire). Per i calciatori sono talmente tante le cose in ballo, soprattutto in uscita, che andare dietro a tutte le voci è praticamente impossibile. Proviamo comunque a riportare quelle che, almeno da parte nostra, sono state in qualche modo riscontrate. Partendo proprio da Chris Smalling che non passa giorno senza che mandi segnali alla Roma ribadendo la sua intenzione di tornare a vivere all'ombra del Colosseo. L'operazione Smalling sarà la prima che la nuova Roma cercherà di portare a termine. Potendo contare sulla fedeltà e lealtà fin qui dimostrata dal giocatore. Il Manchester United sta giocando sporco, se così si può dire, offrendo il difensore a destra e a sinistra. L'ultimo tentativo in questo senso è stato fatto offrendolo al Newcastle (curiosità da prendere con il beneficio dell'inventario: in Inghilterra qualcuno dice che il Newcastle sarà acquistato da Pallotta) che sarebbe pure stato interessato. Solo che il giocatore ha risposto con un no secco, convinto che la sua pazienza alla fine sarà premiata con il ritorno alla Roma che rimane la sua priorità. La nuova società giallorossa ha già riavviato i contatti con il Manchester (la trattativa la sta seguendo l'amministratore delegato Guido Fienga) e già nei prossimi giorni sarà formalizzata una nuova offerta (superiore ai quindici milioni comprendendo i bonus) per cercare di trovare un punto d'incontro con l'United che certo con il club giallorosso non si è comportato in maniera leale negando l'estensione del prestito per fargli giocare l'Europa League.