Comprare tanto per comprare nella sessione di gennaio non rientra certamente nella strategia operativa di Monchi. Il direttore sportivo della Roma ha ribadito più volte di non amare muoversi troppo durante il calciomercato invernale e questa filosofia emerge anche analizzando i dati riportati dal sito transfermarkt. Dal 2010 a oggi, infatti, il dirigente spagnolo in più di una stagione ha preferito non fare acquisti invernali, ma ci sono alcune eccezioni. A gennaio 2011, ad esempio, per 5,5 milioni di euro complessivi Monchi portò a Siviglia due pilastri dei futuri successi andalusi: Gary Medel e Ivan Rakitic. Comprato a soli 2,5 milioni di euro grazie a un contratto in scadenza a giugno di quell'anno, il centrocampista croato fu poi venduto al Barcellona nell'estate del 2014 a 18 milioni di euro, mentre il cileno ex Inter si accasò al Cardiff nell'agosto del 2013 per 13 milioni di euro. Anche il suo ultimo mercato al Siviglia ha regalato al club una grande plusvalenza: acquistato per 5,2 milioni a gennaio 2017, Lenglet ha infatti portato nelle casse 35,9 milioni un anno e mezzo dopo. Ecco nel dettaglio gli acquisti compiuti negli ultimi nove anni:

Gennaio 2018: Jonathan Silva (prestito) Capradossi (rientro)
Gennaio 2017: Walter Montoya (5,5), Lenglet (5,2), Jovetic (prestito), Juan Munoz (rientro)
Gennaio 2016: Immobile (11 milioni riscatto), Fazio (prestito), Diogo Figueiras (rientro)
Gennaio 2015: Bryan Rabello (rientro)
Gennaio 2014: Stevanovic (rientro), Guarente (rientro)
Gennaio 2013: Stevanovic (1,2 milioni), Beto (prestito)
Gennaio 2012: Reyes (3,5), Diawara (3), Hervas (1), Cala (rientro)
Gennaio 2011: Medel (3), Rakitic (3,5)
Gennaio 2010: Stankevicius (prestito)