José Mourinho, prossimo allenatore della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Xtb.com, di cui l'allenatore portoghese è Brand Ambassador: "È importante essere sempre preparati a tutte le eventualità, perché, in questo modo, puoi adattarti ai momenti di pressione facendo affidamento sulla tua preparazione. Non lasciamo che le influenze esterne influenzino ciò che facciamo all'interno. La pressione è sempre presente nel calcio - dice Mourinho -, per me ogni partita ha una pressione perché significano tutte cose diverse. C'è pressione con un derby, una semifinale per arrivare in finale, una finale per vincere il trofeo e 3 punti per avanzare in classifica e non perdere la posizione. Il modo migliore per tenere lontana la pressione è prepararsi con costanza, e anche in condizioni normali, in modo che i giocatori non sentano nulla di diverso. Ci concentriamo sulla nostra preparazione e manteniamo l'ambiente divertente ma impegnato e professionale. Dopo il fischio d'inizio, mi concentro solo sulla partita e sul momento. Non penso a me o alle mie emozioni: penso a ciò che ho di fronte e a cosa dobbiamo fare per adattarci a ciò che sta accadendo".

"Quando prendo decisioni importanti - prosegue il tecnico portoghese -, mi assicuro di avere tutte le informazioni di cui ho bisogno a portata di mano. Questa è la "tattica" migliore perché è impossibile prendere decisioni senza conoscere tutti i dettagli e prendere tempo per capirli. Istinto e dati hanno un ruolo importante. Penso che se tutte le decisioni si basano esclusivamente sui dati, molti fattori andranno persi: questi non danno il quadro completo. Quando ingaggi un giocatore, non sono solo i suoi dati, ma la sua mentalità, il suo sistema di supporto, la sua etica del lavoro, che sono così importanti. Vedi che quando i giocatori fanno un passo in un grande club, devono avere la mentalità per far fronte alla pressione e alle aspettative e mantenere. È incredibilmente importante per me circondarsi delle persone giuste e faccio molto affidamento sul mio team. Le squadre in questi giorni sono così grandi e ci sono così tanti compiti per un allenatore che devi sapere che puoi mantenere i livelli di qualità anche quando non ci sei. Devi anche essere supportato quando si tratta di decisioni chiave per la squadra".