Un tris di nuove soluzioni offensive per Paulo Fonseca. Rispetto all'ultima giornata, il tecnico potrà contare su un ventaglio di scelte quasi inedito nel reparto d'attacco. Perché al rientro di Lorenzo Pellegrini dopo aver scontato il turno di squalifica, si unisce la disponibilità di Pedro Rodriguez, che ha finalmente smaltito i problemi muscolari, e quella di Stephan El Shaarawy, che dovrebbe trovare spazio nella lista dei convocati proprio a partire dal match contro l'Udinese in programma domenica prossima. Il numero 7 riprenderà il proprio posto nella formazione titolare. Uno degli aspetti che è maggiormente mancato nella sfida con la Juventus è stato quello dell'ultimo passaggio, come rimarcato dallo stesso Fonseca nell'immediato post-gara. La Roma ha condotto il gioco senza tuttavia riuscire a concretizzare, e allora il ritorno di un giocatore come Lorenzo, capace di indovinare l'imbucata anche quando gli spazi si stringono, diventa fondamentale. Anche perché l'Udinese nelle ultime settimane sembra essersi compattata soprattutto in difesa, trovando tre clean sheet consecutivi che hanno fruttato due vittorie e un pareggio. Pellegrini scenderà ancora in campo con la fascia al braccio, come stabilito da allenatore e società dopo la querelle con Dzeko. E potrebbe ritrovare davanti a sé proprio il bomber bosniaco, in ballottaggio con Mayoral per la maglia da centravanti. Sulla trequarti insieme al talento cresciuto a Trigoria ci sarà Mkhitaryan dall'inizio, ma d'ora in poi i due avranno alternative credibili. Pedro dovrebbe aver messo alle spalle il gennaio nero, cominciato con una noia muscolare e proseguito con la ricaduta nella gara di Coppa Italia, che lo hanno tenuto più fuori che dentro. Ma proprio i friulani prossimi avversari suonano di buon auspicio: a loro lo spagnolo ha segnato la prima rete in giallorosso, un gran tiro da fuori che è valso la prima vittoria di questo campionato. Ma ancora prima dei problemi fisici, l'ex Barça e Chelsea era apparso in netto calo rispetto all'inizio folgorante della sua avventura romanista. Evoca ricordi positivi anche per El Shaarawy l'Udinese, seconda vittima prediletta in A del Faraone, in gol cinque volte con i bianconeri. Ma le sole apparizioni in Nazionale negli ultimi sei mesi, relegano la possibilità di vederlo in campo a non più di uno scampolo di gara. E se l'attacco si riscopre ricco proprio a ridosso del periodo in cui si intensificheranno gli impegni, la difesa è a rischio: fra i diffidati compaiono i nomi di Ibanez e Kumbulla (oltre a quello di Cristante, centrale all'occorrenza). Con Smalling sicuramente out, bisognerà fare attenzione. Mentre il gruppo riposava, ieri l'inglese era a Trigoria con l'altro infortunato Zaniolo.