Grandi mezzi, (ancora) poca esperienza, da cui il costo, intorno ai cinque milioni di euro, forse meno: se Kluivert è stato preso e pagato come un Erik Lamela, William Ludovic Brandon Bianda, 18 anni compiuti da neppure due mesi, per rimanere al paragone della sessione di mercato del 2011 arriverà come arrivò Marquinhos,con più speranze che certezze. Col difensore del Lens la Roma spera di ripetere il colpaccio fatto da Sabatini all'epoca, prendere un under 20 di talento, e farlo diventare un titolare da grande club: il brasiliano a fine stagione venne pagato come un giocatore già fatto dal Paris Saint-Germain, ma nell'unico campionato in giallorosso si fermò a 26 presenze, e quell'anno (almeno nella prima parte, quella decisiva per stabilire le gerarchie), in panchina c'era un tecnico che non ha mai guardato la carta d'identità come Zeman. E il centrale di destra era Burdisso, già over 30, non uno come Manolas, che piace ai grandi club d'Europa (Chelsea in primis).
  
LA SCHEDA - William Bianda, il centrale che ha stregato Monchi

Che fisico

Bianda, cresciuto nello stesso vivaio che ha lanciato Kondogbia e l'ex Psg Aurier, ha struttura fisica (185 centimetri d'altezza, e magari qualcuno farà in tempo a metterlo ancora) e cattiveria agonistica da giocatore vero. Mancino, col mito di Samuel Umtiti, è un difensore che ama impostare il gioco: deve ancora migliorare in fase di marcatura, limando qualche ingenuità. Lo farà a Trigoria, allenandosi con Di Francesco, che lo terrà sotto stretta osservazione, anche se poi nel fine settimana potrebbe mandarlo a giocare con Primavera o seconda squadra. Del resto che il ragazzo debba crescere lo dicono anche i suoi numeri: 5 presenze in campionato, 2 in coppa di Francia. Pochino, tenendo conto che il Racing Club Lens, che giusto vent'anni fa vinse il suo primo e unico campionato, nel 2015 è retrocesso in serie B. Nel suo curriculum anche le nazionali giovanili: nel 2017 ha preso parte al Mondiale Under 17 in India, Francia fuori agli ottavi con la Spagna. Viene a Trigoria per crescere: Manolas non può essere definito incedibile solo perché nel suo contratto c'è una clausola risolutoria, ma il francesino non viene certo per sostituire lui, ma Castan o Capradossi. Per ora: se uno come Monchi investe 5 milioni per un 18enne, è perché pensa che presto possa valerne almeno il triplo.