Il conflitto Armenia-Azerbaijan mostra i suoi effetti anche nello sport. Dopo che negli scorsi giorni il fantasista della Roma Mkhitaryan si è mobilitato sui propri canali social per diffondere la notizia degli scontri che stavano avendo luogo nel suo Paese, arrivando anche a chiedere formalmente aiuto alla comunità internazionale con una lettera indirizzata ai principali capi politici del mondo, il capitano del Qarabag e della nazionale dell'Azerbaijan Maksim Medvedev ha risposto al calciatore giallorosso.

Tramite un post pubblicato dal profilo ufficiale del Qarabag, il calciatore azero ha accusato Mkhitaryan di aver inserito elementi falsi nella lettera inviata alla comunità internazionale. Queste le parole di Medvedev.

"Per Henrikh Mkhitaryan,
La tua lettera indirizzata ai presidenti del gruppo OSCE non corrisponde alla tua veste di ambasciatore dell'UNICEF, poiché contiene molte dichiarazioni false.
Il tuo riferimento all'aggressione azera non è corretto. La vera aggressione è stata commessa dall'Armenia contro l'Azerbaigian. L' Armenia ha invaso e occupato un quinto del territorio dell'Azerbaigian e ha condotto una pulizia etnica contro circa 1 milioni di azeri. Nel corso dell'aggressione, le forze armate dell'Armenia hanno commesso numerosi crimini contro l'umanità. Questi crimini includevano il genocidio di Khojaly, dove l'Armenia uccise 613 civili innocenti, tra cui 63 bambini.
Affermare che la tua terra è in pericolo è senza fondamento. La lotta sta avvenendo esclusivamente all'interno del territorio riconosciuto a livello internazionale dell'Azerbaigian.

Vorrei ricordarvi 4 risoluzioni del Consiglio di Sicurezza ONU del 1993 che chiedono ritiro immediato, completo e incondizionato delle forze armate provenienti da tutti i territori occupati dell'Azerbaigian. L'Armenia sta rifiutando questi documenti chiave.
L'ultima escalation militare è iniziata dopo che l'Armenia ha bombardato posizioni civili e militari dell'Azerbaigian il 27 settembre. Utilizzando mercenari provenienti da Siria, Libano e altri paesi del Medio Oriente, l'Armenia continua a prendere di mira i civili azeri, anche nelle aree densamente popolate lontano dal fronte. Questa è una palese violazione del diritto umanitario internazionale. Di conseguenza, sono stati uccisi 28 civili, tra cui due fratelli, rispettivamente 13 e 14 anni, 144 civili feriti, 66 strutture civili e 427 case distrutte.
Si sostiene di essere preoccupati per il patrimonio cristiano e i valori nella zona di conflitto. Lasciate che vi dica che come paese multietnico e multiculturale, l'Azerbaigian conserva l'intero patrimonio culturale e storico sul suolo. Anche oggi si vede la Chiesa Armena nel centro di Baku. Purtroppo tutto il patrimonio azerbaigiano è stato vandalizzato dall'Armenia nei territori occupati e in Armenia stessa.

Quanto alla vostra preoccupazione per la morte dei giovani, il modo migliore per evitarlo è esortare il governo dell'Armenia a soddisfare le richieste della comunità internazionale di ritirare le proprie forze militari dalle nostre terre occupate. Io, Maksim Medvedev, nato, cresciuto, e che gioco da sempre in Azerbaigian, sono certo che il ritiro immediato delle truppe armene dai territori occupati può aprire la strada alla pace nella nostra regione.

Sinceramente,
Maksim Medvedev
Capitano della Nazionale Azerbaigian
Capitano del Qarabağ Football Club"

To Henrikh Mkhitaryan, Your letter addressed to the Presidents of the OSCE Minsk Group Co-chair countries does not...

Pubblicato da Qarabağ FK su Giovedì 8 ottobre 2020