Da un adduttore all'altro. Mentre la difesa della Roma ritrova dopo due settimane Chris Smalling, che aveva avuto una noia proprio in quel punto nella sfida del San Paolo contro il Napoli, perde il nome nuovo del reparto, quel Roger Ibanez che ha stupito tutti per personalità, senso della posizione e interventi decisivi, doti che in assenza dell'inglese gli avevano consegnato a sorpresa le chiavi della retroguardia. Risentimento, appunto all'adduttore destro per il giovane brasiliano, che è stato costretto ad abbandonare il campo contro l'Inter a venti minuti dal termine della gara. Se la trafila sarà simile a quella del collega di reparto più esperto, potrebbe rientrare in tempo per le due trasferte torinesi, sperando che non ci siano lesioni.

Chi tornerà molto prima, probabilmente già a Ferrara, è Nicolò Zaniolo, escluso dalla lista dei convocati contro la sua ex squadra per un affaticamento, anche fisiologico dopo il lunghissimo stop. Sabato il numero 22 si è sottoposto a un esame clinico che ha escluso complicazioni, alla ripresa in programma oggi alle 18 a Trigoria dovrebbe essere in gruppo. Nel qual caso non è escluso che proprio la partita di Ferrara possa contrassegnare il suo nuovo debutto da titolare dopo il grave infortunio. La giornata di oggi sarà decisiva anche per verificare le condizioni degli altri due acciaccati, Fazio e Mirante, il primo alle prese con una contusione alla caviglia; l'altro con un risentimento al polpaccio. Sarà più lunga la trafila verso il ritorno di Santon, mentre non preoccupa l'altro giocatore sostituito nel match contro i nerazzurri, Diawara, che ha lamentato "semplici" crampi e si dedicherà al consueto lavoro di scarico previsto per chi ha giocato ieri.

Mentre la squadra è concentrata sulla fase finale del campionato, in società fervono i preparativi per la prossima stagione. La scorsa settimana è stato annunciato il divorzio dallo sponsor tecnico Nike, che però produrrà ancora la maglia da gioco del 2020-21: dal punto di vista estetico un ritorno al cosiddetto "ghiacciolo" di fine Anni 70. E per il primo giorno di vendita della prima divisa, quella rossa, è stata scelta una data simbolica nella storia romanista, il 22 luglio. Prima che la Roma giochi il suo match sul campo della Spal, negli store del club sarà a disposizione dei tifosi la nuova casacca.