Uno, tre e tredici sono i numeri sui quali puntare per la ruota di Roma. Si riferiscono rispettivamente alll'asterisco in classifica, i punti di distacco e le partite ancora da disputare da qui a fine stagione. E riguardano i giallorossi, come l'Atalanta, nello sprint che decreterà quale delle due squadre in lizza per un posto nella prossima Champions League avrà la meglio.

Un terno che varrebbe la tanto agognata qualificazione alla competizione più prestigiosa, obiettivo dichiarato a Trigoria fin dall'inizio dell'anno. Un po' meno a Bergamo - dove il tono delle pressioni è tuttora differente rispetto alla Capitale - ma di fatto anche lì al traguardo ci si pensa eccome. Come ogni terno, non è facile da realizzare, ma nemmeno impossibile. Al momento le variabili per decifrarlo sono diverse e in costante aumento, dopo gli ultimi rinvii di calendario a cui è stato sottoposto il campionato in corso.

A partire dal primo aspetto, il famoso asterisco che mantiene ancora distonia fra le due contendenti nella casella delle gare disputate (e quindi soprattutto da giocare). Il recupero della partita casalinga dei nerazzurri contro il Sassuolo porta con sé l'interrogativo principale, ossia la data, che per i vari accavallamenti di impegni ad oggi non è stata definita. Il che potrebbe voler dire perfino uno spostamento a maggio del match in programma alla venticinquesima giornata (weekend del 23 febbraio).

Non il 13 però, data nella quale saranno recuperati altri match rinviati per l'emergenza Coronavirus, fra i quali quello dello stesso Sassuolo col Brescia. Una matassa non ancora dipanata dalla Lega, che nel caos attuale deve far fronte anche agli impegni europei delle italiane, fra cui proprio Roma e Atalanta.

Quei tre punti che al momento le separano in classifica possono quindi variare anche in base ai rispettivi percorsi nelle coppe. I bergamaschi hanno in programma il ritorno degli ottavi di Champions con il Valencia, dove partono strafavoriti dopo il 4-1 dell'andata. Sfida spagnola anche per gli uomini di Fonseca, che devono giocare entrambi i turni col Siviglia che serviranno ad allineare l'Europa League con l'altro torneo. E che equiparano (per il momento) gli impegni di entrambe le squadre: tredici a testa, che possono aumentare in base al cammino internazionale.

Da qui a Pasqua, i due coefficienti di difficoltà dei turni di campionato si discostano poco, con un pizzico di riguardo per la Roma, almeno nella prossima giornata, quando saranno proprio i rivali di Formello a far visita a Gasperini, mentre all'Olimpico sarà di scena la Sampdoria. Sempre che si giochi.

Dopo le coppe, Dzeko e compagni giocheranno a San Siro col Milan, mentre l'Atalanta affronterà in Friuli l'Udinese - che subito dopo giocherà nella Capitale coi giallorossi - per poi ri-testare in anticipo i successivi avversari: il Napoli andrà a Bergamo e di seguito ospiterà la Roma, dopo la sosta, quando i nerazzurri voleranno a Cagliari. Il sabato pasquale impegni casalinghi per entrambe: Parma all'Olimpico e Samp alla Gewiss Arena. Ma in quella settimana i quarti di finale delle coppe europee possono influire anche sul campionato. La corsa è ancora apertissima.