Giovane, anzi, giovanissimo. Undici anni da compiere il prossimo 22 febbraio, ma il regalo più bello lo ha sicuramente ricevuto oggi dallo Shakhtar Donetsk, la sua squadra del cuore che lo ha accreditato per la conferenza stampa di Di Francesco e di Fonseca alla vigilia della partita contro la Roma. Lui si chiama Misha Surzhyn e sogna di diventare un giornalista. Per ora è uno youtuber e un blogger e il suo canale dedicato al calcio ("Football News") è uno dei più seguiti in patria. Intercettato dall'inviato del Romanista in Ucraina, Daniele Lo Monaco, il giovane cronista ha dato prova della sua competenza calcistica.

 "Per il momento posso definirmi solamente un semi giornalista, ma sto facendo tanti sforzi per diventare un vero giornalista. Nel mio blog prima di questa partita ho fatto un video per analizzare la Roma. Punti forti, punti deboli, giocatori più importanti. Faccio cose simili anche per le squadre ucraine e cerco di inventare qualcosa di nuovo. Ho 10 anni, ma il 22 febbraio farò 11 anni. La Roma ha un grande attacco, vorrei parlare soprattutto di Edin Dzeko che è un bomber strepitoso e segna da ogni posizione. Poi c'è la qualità di El Shaarawy che fa tanti assist e sa mettere la palla in profondità per i propri compagni. Il centrocampo dipende molto da De Rossi e Nainggolan che fanno un lavoro determinante. I punti deboli dello Shakhtar? Non vorrei dare informazioni utili perché sono un tifoso dello Shakhtar (sorride, ndr). Scherzi a parte, la difesa non è da top team, soprattutto dopo la squalifica di Srna. Quello difensivo è il reparto peggiore della squadra".