Nicolò Zaniolo e Justin Kluivert nella top 10 della Serie A per dribbling riusciti. E in una Serie A che non brilla per spettacolarità ma resta certamente tra i campionati più tattici d'Europa, avere calciatori che saltano l'uomo può fare la differenza per mettere in scardinare le difese avversarie. Un dato che valorizza il gioco di Fonseca visto che la Roma è l'unica squadra ad aver piazzato due giocatori tra i primi dieci.

Il centrocampista ligure ha completato 25 dribbling su 45 tentativi e, secondo i dati del portale specializzato whoscored, è settimo in classifica. Zaniolo parte largo a destra per poi accentrarsi e come impostazione tende spesso all'uno contro uno. Strappi più basati sulla sua straripante forza fisica che sulla tecnica pura nella conduzione di palla.

Proprio l'opposto del suo compagno Kluivert che è nono con 24 dribbling riusciti su 34 tentativi e agisce sull'altra fascia: l'olandese basa tutto sulla velocità e sulla sua abilità nello stretto, favorito anche da un fisico brevilineo e scattante. 

Entrambi hanno avuto tanto spazio anche grazie ai contemporanei infortuni di Ünder e Mkhitaryan che se da un lato li ha costretti agli straordinari, dall'altro gli ha concesso l'opportunità di vedere il campo con continuità. Ora che i problemi fisici del turco e dell'armeno sono alle spalle, Fonseca avrà altre due frecce a disposizione nel suo arco.

La classifica della Serie A è guidata dal francese Jerieme Boga del Sassuolo (38 dribbling riusciti), giocatore per altro seguito anche dalla Roma la scorsa estate. Completano il podio Castrovilli della Fiorentina (35) e Falco del Lecce (29). Seguono Luis Alberto della Lazio (29), Kulusevski del Parma (27), Amrabat del Verona (26), Bennacer del Milan (24) e Petagna della Spal (23).