Chris Smalling ha parlato ai microfoni del Daily Telegraph. Il difensore centrale arrivato alla Roma in estate in prestito dallo United ha parlato con il tabloid inglese della sua avventura in Inghilterra, del suo arrivo nella Capitale, per arrivare alla mancata convocazione in Nazionale e agli episodi di razzismo.

Perché è importante che un calciatore impari la lingua del paese in cui gioca? 
"Vedi pochissimi giocatori inglesi che vanno all'estero e quelli che lo fanno sono in gran parte buoni giocatori altrimenti non se ne sarebbero andati", dice, "ma sento che la loro rovina è in gran parte nella lingua. Sul campo puoi imparare le diverse traduzioni di "sinistra", "destra" e "dietro di te", ma fuori dal campo vuoi avere quell'influenza intorno al gruppo. Si viaggia insieme come una squadra, quindi è importante comunicare il più possibile. Questo mi aiuta a sentirmi più a mio agio con i miei compagni di squadra. Rende l'esperienza migliore. Forse, dove alcuni giocatori inglesi non sono completamente impegnati nella lingua, fuori dal campo sono divisi. Imparando la lingua posso avvicinarmi ai miei compagni e conoscerli appena posso".

Quanto tempo dovrà passare ancora prima che inizi a parlare italiano?
"Questo è l'insegnante di lingue del club, già ce l'ho", afferma. "Il piano è molte lezioni, ma brevi".

Su Solskjaer
"Ha detto che avrei fatto delle partite. Sono abituato a giocare quando sono in forma, anche se sarebbe potuto essere leggermente diverso in questa stagione. Avrei giocato le partite di coppa e poi in campionato, a seconda degli infortuni. Sarebbero state 40 0 50 le partite per cui sarei stato in forma? Sarebbero state 20 o 30. Ancora un buon numero, ma io voglio giocare".

L'arrivo di Maguire da Leicester a un prezzo record per un difensore ha influenzato la decisione?
"Non proprio. Avevo parlato con il manager prima che arrivasse Harry e sapevo di essere dietro di lui e Lindelof, ma nelle stagioni precedenti avevo cominciato dietro alle prime scelte, ma dopo quattro o cinque partite sono riuscito a rientrare nei titolari. Adoro le sfie e quando arriva un nuovo difensore centrale ti fa alzare il gioco. Devi mostrare di più, devi essere più consistente. Se fossi rimasto, avrei accettato quella sfida e sarei stato molto fiducioso che avrei giocato il numero di partite che meritavo. Allo stesso modo ho una sfida qui alla Roma. Tornando indietro avrò un elemento aggiunto che alcuni dei difensori non avranno".

Sulla decisione
"Quella più facile sarebbe stata quella di rimanere. Questa è l'occasione perfetta per provare a vivere con una cultura diversa. È come un cambiamento totale, anche se il calcio è ancora lo stesso".

Sui reduci dell'era Ferguson
"Non ci sono molti di noi rimasti, c'è stato un grande cambiamento nel club. Ferguson è profondamente radicato nel club e anche quando si va in giro per il campo di allenamento, le immagini, i ricordi sono lì. Penso mantenga il nucleo del club che, alla fine, deve cambiare col passare del tempo. Ogni manager che è entrato ha cercato di esprimere la propria posizione al riguardo. Con ogni allenatore e col passare del tempo c'è un leggero cambiamento".

Sulla sua carriera con i Red Devils
"Il mio periodo allo United è pieno di alti e bassi. Dal periodo di Sir Alex a tutti gli allenatori che sono venuti dopo. Come giocatori può essere difficile, sei così abituato a qualcosa che poi arriva un allenatore diverso... è sicuramente una sfida. È stato qualcosa che ho affrontato ogni stagione, chiunque fosse il tecnico. Si trattava di mettersi alla prova con chi era alla guida. Anche a causa delle aspettative, penso che a volte non le abbiamo sempre soddisfatte, mentre a volte lo abbiamo fatto con alcune coppe. È stato sicuramente un momento interessante e ho imparato da ogni allenatore. Mi ha sicuramente aiutato come giocatore".

Sulla mancata convocazione in nazionale
"Sono deluso. Ero abituato ad andare in Inghilterra. Giocavo regolarmente per lo United fino a quando me ne sono andato. L'aspirazione è sempre lì. In definitiva dipende dalla scelta del tecnico. Ciò che è stato detto era forse ingiusto e i dirigenti che mi hanno scelto allo United sono di livello mondiale. Sento che anche gli allenatori che sono stati portati allo United hanno certi modi di giocare e alcuni sono abbastanza simili a Southgate. Immagino che il calcio sia un gioco di opinioni. Sicuramente non sono d'accordo con lui e potrebbe non essere d'accordo con alcune delle cose che risponderei. Non chiuderei mai quella porta e spero un giorno di riuscire a rientrarci. Sembra difficile sotto Gareth, ma mai dire mai. "

Sul razzismo
"Le nostre voci come giocatori devono essere ascoltate, che siano noi o lo staff ad essere oggetto di razzismo. Bisogna parlarne e alla fine quando le persone parlano, è quando succede un cambiamento. Speriamo che gli organi di governo, i campionati e i giocatori siano più vicini. Sento che sta iniziando a esserci un po' di coesione. È solo deludente. Ci sono bambini che guardano la Tv e poi devi educare i tuoi figli. Tutto questo deve smettere".

Su un ritorno allo United
"Durante una stagione possono succedere molte cose".