Perugia, atto secondo. Saranno circa in duemila in totale gli spettatori questa sera alle ore 20, quando la Roma sfiderà l'Athletic nella penultima amichevole di preparazione all'esordio in Serie A con il Genoa. Una sfida che, dopo la trasferta del Pierre Mauroy di Lille, vedrà nuovamente i giallorossi scenderanno in campo al Renato Curi dopo la vittoriosa partita contro i padroni di casa andata in scena lo scorso 31 luglio.
Rispetto al match di una settimana fa, dunque, non ci sarà l'esodo della tifoseria romanista che si presentò al Curi in oltre 3.500 unità. La diversa disponibilità dei settori rispetto all'incontro con il Perugia, con la vendita limitata alle sole tribune, e i costi fortemente maggiorati hanno spinto molti a desistere. Altri, invece, a partire dalla mattinata di oggi riprenderanno la loro marcia per portare nuovamente i colori della Roma al "Renato Curi". Altre centinaia di chilometri da macinare per spingere la squadra al successo contro un avversario blasonato e più avanti nella preparazione, considerando l'imminente esordio in Liga spagnola contro i campioni in carica del Barça.

Archiviata la trasferta di Perugia, sarà già tempo di far rientro nella Capitale nel cuore della notte per prepararsi all'amichevole di lusso con il Real Madrid in programma domenica sera alle 20 presso lo stadio Olimpico. In palio la Mabel Green Cup, evento organizzato per dar voce alle tematiche legate alla tutela dell'ambiente, un trofeo che al momento ha attirato poche migliaia di tifosi con elevate disponibilità per tutti i settori a disposizione. Stasera però c'è un Athletic Bilbao da affrontare, con diversi romanisti pronti a raggiungere nuovamente il Curi di Perugia per prender posto sugli spalti e cantar per lei.