Le uniche cose certe, al momento, sono giusto un paio. Cioè l'arrivo di Paulo Fonseca oggi a Roma e le visite mediche domani mattina che tutti i convocati, divisi a gruppi, sosterranno a Villa Stuart. Il resto è tutto un quiz, o, meglio, appeso all'esito della sentenza che l'Uefa dovrà ufficializzare a proposito del Milan. Sentenza che è attesa nella giornata di oggi, ma visti i precedenti, ovvero almeno un paio di rinvii, non è detto che oggi ci sarà quella fumata bianca, in un senso o nell'altro, necessaria per avere un programma più chiaro per l'estate giallorossa.

Il ritiro

Le date sono state fissate, ventinove giugno-sette luglio, il contratto firmato con il comune di Pinzolo, fissata anche un'amichevole prima del rientro a casa. ll problema è che ancora non è sicuro se la Roma si presenterà a Pinzolo, pure a fronte di un'eventuale penale da pagare come da contratto e con il dispiacere di dare una delusione ai non pochi tifosi che hanno prenotato da quelle parti per una vacanza al motto Roma non sarai mai sola. Tutto dipende da quello che deciderà l'Uefa a proposito del Milan.

In caso di squalifica per un anno dalle competizioni europee del club rossonero (in cambio di una dilazione temporale per rientrare nei paletti del fair play finanziario), la Roma non dovrà più giocare i preliminari dell'Europa League accedendo direttamente ai gironi con il Torino che andrebbe a sostituire i giallorossi nelle fatiche e nei rischi dei turni preliminari. Con il Milan squalificato, però, non si sa ancora bene cosa deciderà di fare la Roma. Perché senza gironi ci sarebbe il rischio di un precampionato interminabile, lungo due mesi con il concreto rischio che si trasformi più in un danno che in un vantaggio. Deciderà Fonseca che potrebbe optare, senza preliminari, di spezzare in due tronconi la preparazione precampionato decidendo di concedere una settimana supplementare di vacanza ai giocatori. Almeno quelli che sono stati convocati per domani.

I convocati

Per ora non c'è una lista ufficiale, serve il visto di Fonseca che ci sarà nella giornata di oggi. Ma non sono pochi i giocatori della prima squadra che domani si presenteranno per le visite mediche, pronti per partire, se si andrà, alla volta di Pinzolo. Considerando che rimarranno in vacanza tutti quei giocatori (anche quelli che stanno per essere ceduti) che sono stati impegnati nelle varie nazionali (Olsen, Mirante, Florenzi, Manolas, Luca Pellegrini, Lorenzo Pellegrini, Kolarov, Cristante, Zaniolo, El Sharaawy, Dzeko, Under, Schick) i nomi che restano sono un portiere (Fuzato), sette difensori (Karsdorp, Santon, Marcano, Fazio, Juan Jesus, Bianda, il rientrante Capradossi), sei centrocampisti (Coric, Pastore, Nzonzi, i rientranti Gonalons, Gerson e Antenucci), quattro attaccanti (Perotti, i rientranti Defrel, Sadiq, Verde), mentre a Kluivert è stato comunicato di presentarsi direttamente a Pinzolo il ventinove. Non ci si dovesse andare, avvertitelo.