"Grazie a tutti quelli che mi hanno mostrato tutto questo affetto. Grazie. Ora bisogna esigere e spingere per crescere e per continuare a farlo. E' il nostro gene competitivo, ciò che ci ha fatto grandi. Non lo abbandoneremo. Forza Siviglia!". Con questo messaggio, scritto su Twitter, Monchi ha chiuso la giornata che lo ha visto protagonista della conferenza stampa di presentazione al Sanchez Pizjuan, ma anche della polemica a distanza con James Pallotta.

Il presidente giallorosso non ha gradito le parole di Monchi, che ha descritto una totale divergenza di idee con Pallotta ("Il Presidente voleva andare a destra, io a sinistra"), e ha rilasciato un comunicato in cui si dichiara "stupito dalle parole di Monchi", spiegando che l'ex direttore sportivo ha avuto "il pieno controllo per ingaggiare l'allenatore che voleva, per assumere i collaboratori tecnici e i preparatori, per gestire lo scouting e per acquistare i giocatori che preferiva. Guardando i risultati e le nostre prestazioni, è chiaro che questo non abbia funzionato"