Sarà anche per l'aria di prematura primavera che si respira in città, ma l'infermeria sta riconsegnando tutti i pezzi a Di Francesco. Sono rientrati in gruppo tutti i giocatori infortunati, chi più e chi meno, ad eccezione del solo Ünder. Lo abbiamo visto l'ultima volta solo per 6 minuti, nella gara casalinga con il Torino di Mazzarri. Quando si è fermato per un problema muscolare. Ha saltato cinque partite di campionato, una di Champions League e quella, sciagurata, di Coppa Italia con la Fiorentina. In vista del derby ha provato ad accelerare, un po' come fa spesso in campo, ma ha avvertito ancora dolore nei giorni scorsi e non è stato aggregato al gruppo. Per questo il suo recupero è rinviato.

Tutti gli altri saranno a disposizione, salvo complicazioni. Che va sempre aggiunto, visto il trend stagionale della squadra di Di Francesco. A disposizione, appunto, ma non al 100%, come nel caso di Manolas, che dopo i primi patemi d'animo con tutta probabilità vedremo giocare nel derby. O come Karsdorp e Schick, gli ultimi a recuperare, per i quali Di Francesco dovrà valutare bene le modalità eventuali d'impiego. Sta decisamente meglio Juan Jesus, uno che con la velocità degli attaccanti della Lazio, Immobile e Correa su tutti, potrebbe anche tornare utile (in quel caso al posto di Fazio, che in questa stagione non riesce a spiccare il volo della continuità come nella passata stagione).

Benedetta abbondanza

Il tecnico in vista delle due partite più importanti e difficili del momento dovrà operare delle scelte in ruoli nevralgici. A partite dal centrocampo, dove tutto ruota intorno a Daniele De Rossi. L'impressione, anche se il 16 ha giocato a Frosinone e presumibilmente a Oporto andrà tenuto in considerazione per la sua esperienza, è che il capitano non salterà quello che - al momento e salvo rinnovo a fine anno - sarà il suo ultimo derby romano. Soprattutto perché lui è mister 4-3-3 e il sistema tanto caro a Difra sembra essere quello che più dà garanzie ed equilibrio. Nzonzi finirebbe in panchina in questo caso. Poi, spazio ancora alla creatività, o ai dubbi: Cristante, Lorenzo Pellegrini e Zaniolo dovrebbero giocarsi due maglie da intermedi, salvo che Eusebio non decida di schierare di nuovo il numero 22 come esterno alto a destra, alla Ünder. In attacco, piuttosto intoccabili Dzeko ed El Shaarawy: entrambi vogliono incrementare il loro bottino di gol nei derby, "pochi", fin qui: due quelli del bosniaco, uno solo per il Faraone (con la maglia della Roma). Si tiene pronto anche Perotti, partito titolare in Ciociaria, e che nel derby romano ha segnato già due volte.

Arbitra Mazzoleni

Toccherà al fischietto di Bergamo, Paolo Silvio Mazzoleni, dirigere il derby di domani sera. Sarà il suo terzo incrocio nella stracittadina e nei due precedenti sono arrivati in entrambe le occasioni dei pareggi: 0-0 nella passata stagione e 1-1 nella stagione 2012-13. In questa stagione la Roma ha già incontrato Mazzoleni tre volte: una vittoria, in trasferta a Empoli, e due pareggi di rimonta con Chievo all'andata e Cagliari. Sono 27 gli incroci totali: 15 vittorie, 9 pari e 3 sconfitte.