L'avversario

Feyenoord, Slot: "La Roma ha ottimi giocatori, ma sappiamo cosa aspettarci"

Toorrnstra: "Sarà una partita combattuta contro un avversario di valore". Trauner: "È una gara molto speciale per noi. Non abbiamo mai perso, siamo qui per un motivo".

Arne Slot si dirige negli spogliatoi dopo il triplice fischio (Getty Images)

Arne Slot si dirige negli spogliatoi dopo il triplice fischio (Getty Images)

24 Maggio 2022 - 18:14

È la vigilia della finale di Conference League tra Roma e Feyenoord. Qualche ora fa, direttamente dall'Arena Kombëtare  c'è stata la conferenza stampa di Josè Mourinho, accompagnato da Gianluca Mancini e Lorenzo Pellegrini. I giallorossi hanno in seguito lasciato spazio alla conferenza del Feyenoord, oltre all'allenatore, Arne Slot, sono intervenuti ai microfoni anche Jens Toornstra, il capitano della squadra e il centrocampista Gernot Trauner.

Le parole di Slot

Su Bijlow.
"Sta bene, è a disposizione. Si è allenato con la squadra, ha partecipato alla seduta odierna. È una partita importante, non c'è nessun infortunio. Faremo un'ultima seduta, se sarà a disposizione sarà la prima scelta. Sta giocando molto bene, potrebbe essere il titolare dell'Olanda".

Sulle chiavi tattiche della partita.
"Il Feyenoord deve fare un gioco di posizionamento, la Roma cercherà di tirare dalla distanza. Bisogna tenere conto di questa situazione. Abbiamo già vissuto esperienze simili in campionato, oggi ci sarà più tensione e nervosismo, bisognerà giocare come tutto l'anno e prendere in conto il gioco avversario".

Su Marciano.
"Ha sempre giocato dopo l'infortunio di Bijlow, come tutti gli altri ha avuto un ruolo, ho già detto che se il nostro numero 1 è a disposizione scenderà lui in campo".

Sulla presenza dei tifosi della Roma.
"Ci dà qualcosa in più. Siamo in finale ed è interessante anche per il pubblico locale. Bisogna sfruttare questo entusiasmo. I giocatori non sono abituati a giocare finali, ma si stanno comportando come sempre".

Sulla Roma.
"La Roma ha una grande tradizione, l'Italia ha ottimi giocatori, creativi nella fase offensiva, un bomber come Abraham e sa difendersi bene. Sappiamo cosa aspettarci, ma non si sa mai. A volte gli allenatori hanno assi nella manica, se dovesse sorprenderci ho detto che abbiamo disputato 55 partite, sarebbe una sorpresa se dovesse inventarsi qualcosa che non abbiamo ancora visto".

Su Mourinho e i precedenti dello Special One con le olandesi.
"Ho letto un articolo su questo argomento, ma non c'entra niente con la gara di domani sera. Uno dei gol nacque da rimessa laterale dell'Ajax. All'epoca le squadre olandesi cercavano un ritmo più blando, ma abbiamo fatto una crescita esponenziale da allora. Abbiamo uno stile di gioco completamente diverso. Possiamo segnare dalla distanza, ci siamo preparati per stili diversi. È chiaro che l'avversario non voglia questo ritmo blando, loro cercheranno di segnare da subìto. I giocatori stanno facendo molto bene, sono giocatori di qualità".

Le parole di Toornstra

Sulla condizione fisica.
"Abbiamo giocato l'ultima volta tanti giorni fa, ma in Portogallo ci siamo concentrati".

Sul momento.
"Sì, è un momento fantastico, ma bisogna giocare la finale. Siamo grati di questa opportunità, speriamo di poterci sentire altrettanto bene tra 30 ore".

Sulle polemiche su Tirana.
"Siamo semplicemente giocatori, siamo concentrati sulle questioni calcistiche. L'organizzazione è stata ottima".

Sulle possibilità di alzare il trofeo come capitano.
"Non ho ancora pensato alla Coppa, dobbiamo giocare bene, se vinceremo potremo festeggiare. Spero sia una partita divertente, sicuramente sarà combattuta, speriamo di poterla vincere".

Sulla partita contro il Marsiglia.
"Certo, il Marsiglia è stato un avversario tosto. Abbiamo dimostrato di essere forti. Manca una sola partita contro un avversario di valore. La Roma sta giocando benissimo. Dovremo essere concentrati e avere spirito di gruppo per vincere".

Sulla possibilità di partire dalla panchina.
"Ho avuto infortuni, magari non inizierò, è un peccato ma mi godo questo momento. Se dovessimo vincere, non penserei agli infortuni".

Sulla preparazione.
"Abbiamo trattato la maggior parte degli argomenti. Dobbiamo fare pressing, essere carichi. Abbiamo sfruttato questo tempo di preparazione".

Sui tifosi.
"Li ho visti tramite social, siamo stati all'albergo e siamo andati a dormire. Non lo ho visti di persona, è fantastico e credo che questo ci renda una grande squadra".

Le parole di Trauner

Sulla finale.
"È una gara molto speciale per noi. È un momento importante per le nostre carriere, non mi aspettavo di arrivare in finale. Abbiamo fatto bene tutta la stagione in tutte le gare europee. Non abbiamo mai perso dai gironi in poi. Siamo qui per un motivo. Sarà una gara combattuta, vogliamo vincere".

Su Abraham.
"Sicuramente ho studiato il suo gioco. Ha segnato una trentina di gol, è forte fisicamente e bravo tecnicamente, è uno dei giocatori chiave. Dobbiamo limitargli lo spazio per fargli mare. Se dovessimo allontanarlo dalla porta saremmo in grado di non prendere gol, lo abbiamo dimostrato col Marsiglia".

Sul momento personale e della squadra.
"È il momento più bello della mia carriera, è molto speciale per me, è la prima finale europea. Abbiamo dimostrato di essere in grado di battere avversari forti, la Roma è un avversario tosto. Ha preso pochissimi gol, ma ha anche punti deboli. Cercheremo di sfruttarli per segnare, abbiamo tanta qualità e siamo sempre capaci di segnare gol. Non vediamo l'ora di scendere in campo".

Su Karsdorp.
"Non sento Rick da un po' anche se abbiamo stretto amicizia. All'inizio ha avuto problemi per l'infortunio, ma ha qualità e merita di disputare questa finale".

Su Marciano.
"Dopo l'infortunio di Justin è stato importante, non importa chi scenderà in campo, abbiamo due ottimi portieri".

© RIPRODUZIONE RISERVATA