A TRIGORIA

Ripresa alle 11, andranno valutati Zaniolo e Afena-Gyan

I due assenti con il Venezia, ma non hanno nulla di serio. C’è pessimismo per il ritorno di Mkhitaryan, mentre Spinazzola spera nella conferma

I giocatori a Trigoria per l'allenamento (Getty Images)

I giocatori a Trigoria per l'allenamento (Getty Images)

17 Maggio 2022 - 07:59

Sarà passata l'amarezza per la rimonta rimasta a metà contro un Venezia ridotto in dieci dal 32' del primo tempo (e retrocesso già dal pomeriggio, con il pari della Salernitana ad Empoli), con i due giorni di riposo concessi da Mourinho, per far ritrovare energie fisiche e mentali ai suoi, in vista delle ultime due gare della stagione. Ieri la Lega di serie A ha ufficializzato con il comunicato numero 285 quello che era stato già deciso da giorni: l'ultima di campionato dei giallorossi, allo Stadio Olimpico-Grande Torino, si giocherà di venerdì, alle 20.45, con i giallorossi che hanno rinunciato alla contemporaneità con le altre squadre in corsa per la qualificazione in Europa League per avere un giorno di riposo in più, prima della finale di Conference. L'appuntamento al centro tecnico Fulvio Bernardini è per le 11, andranno valutate le condizioni degli infortunati: sabato contro il Venezia non erano a disposizione Zaniolo e Felix, fermati rispettivamente da un affaticamento al quadricipite destro e da un fastidio al ginocchio.

Le loro condizioni non dovrebbero essere particolarmente preoccupanti, ma è tutt'altro che certa la loro presenza venerdì sera contro il Torino: potrebbero anche rientrare direttamente a Tirana. Che è quello che spera di fare Mkhitaryan, dopo la lesione al flessore destro rimediata il 28 aprile contro il Leicester. In condizioni normali, per un infortunio del genere, che richiede un mesetto lontano dal campo, si sarebbe già potuto parlare di stagione finita, ma quest'anno la stagione finirà non con l'ultima giornata, ma con una gara che assegna un trofeo, per cui si farà di tutto per rimettere in campo uno con l'esperienza internazionale e la classe superiore del fantasista armeno. Che però non sta ancora bene: il piano più ottimistico, ovvero di fargli fare qualche minutino nella gara di Torino per fargli recuperare un po' di condizione fisica in vista del Feyenoord, quasi certamente non sarà praticabile. Mentre farà sicuramente minuti, forse nuovamente dall'inizio, Leonardo Spinazzola, che sabato ha giocato senza problemi il primo tempo, la sua prima partita da titolare dall'infortunio del 2 luglio, all'Europeo: se anche col Toro farà vedere progressi, a Tirana Mourinho avrà un'arma in più sulla sinistra, oltre a Zalewski, che rimane la sorpresa più bella della stagione. Rientrerà Gianluca Mancini, dopo aver scontato la squalifica, potrebbe andare nuovamente in panchina il 18enne Volpato, subentrato col Venezia (terza presenza in A): ieri il numero 62 è stato a Milano per prendere parte al galà di SportItalia, che lo ha inserito nella Top 11 del campionato Primavera, insieme a un altro giovane fatto debuttare in prima squadra da Mourinho, il terzino destro Missori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA