«Sto bene». Due parole che fanno sempre piacere, ma che si trasformano in una notizia se a pronunciarle è un ragazzone greco che risponde al nome di Kostas Manolas. Soprattutto se con la memoria si ritorna al momento in cui è uscito dal campo a Frosinone, steso su una barella, al limite delle lacrime, con una caviglia che gli si stava gonfiando, la preoccupazione di un infortunio che avrebbe potuto tenerlo diverso tempo lontano dal campo di gioco. Invece, ieri, il sospiro di sollievo che, facendo leva su una certa dose di ottimismo, potrebbe riconsegnare il difensore a Di Francesco già per il derby di sabato prossimo. Cosa abbastanza importante considerando il rendimento difensivo della Roma.

La giornata

Segnali positivi a proposito delle condizione di Manolas, sono cominciati ad arrivare già nella mattinata di ieri. La caviglia si stava progressivamente sgonfiando, il dolore era in costante diminuzione, nessuna stampella per camminare, una nuova ecografia a Trigoria aveva confermato sì che la distorsione c'era, ma i legamenti erano stati interessati solo in minima parte. L'ottimismo è diventato ancora più concreto nel tardo pomeriggio, quando il greco è andato a Villa Stuart per sottoporsi a una risonanza magnetica, una scelta che, come hanno sottolineato a Trigoria, è stata fatta soltanto a scopo precauzionale. Manolas è arrivato nella clinica di riferimento del club giallorosso, qualche minuto prima delle diciannove, al volante dell'auto, è sceso senza problemi e stampelle, ha risposto alla domanda sulle sue condizioni proprio con quel «sto bene». All'interno della clinica si è trattenuto per una ventina di minuti, giusto il tempo della risonanza. All'uscita ha ribadito le sue buone sensazioni, per poi andare a cena a Ostia con degli amici greci, tra cui il calciatore Dimitrios del Leganes, al ristorante «Antico Traiano» di Ostia. Dunque, Manolas giocherà il derby? Tutto fa credere che sarà a disposizione di Di Francesco, ma anche che il tecnico farà tutte le valutazioni del caso considerando che quattro giorni dopo il derby ci sarà la partita di ritorno degli ottavi di finale della Champions League sul campo del Porto.

Gli altri infortunati

Ünder continua a essere un piccolo mistero. La Roma ha smentito una ricaduta dell'infortunio muscolare (lo avrebbe fatto in ogni caso), ma il dato di fatto è che il turco è ormai fermo da quasi quaranta giorni. E tutto fa pensare che difficilmente potrà esserci nella sfida di sabato prossimo. I prossimi giorni saranno decisivi per capire le condizioni di Ünder, ma anche di Karsdorp e Schick. L'olandese è quello che sta meglio, il suo rientro in gruppo è previsto a metà settimana avendo come obiettivo quello di essere tra i convocati per il derby e pronto per andare in campo in Champions. Stesso obiettivo dell'attaccante ceco anche se le voci di dentro Trigoria, fanno sapere che per lui potrebbe servire qualche giorno in più.