Il vicepresidente della Roma, Mauro Baldissoni, è intervenuto nel corso della presentazione della nuova sede amministrativa del club a Via Tolstoj, nel quartiere EUR. Queste le parole dell'ex direttore generale giallorosso: 

"Grazie della partecipazione al presidente del consiglio Giuseppe Conte e alla sindaca Virginia Raggi. Ringrazio anche il gabinetto del sindaco che ci ha consentito di colorare di giallorosso questo angolo della città, cosa che chiederemo di nuovo per qualche altro evento. Grazie a tutti i presenti per visitare questa nuova casa. E' giusto chiamare casa il luogo dove svolgiamo gran parte delle nostre attività per chi come noi vuole considerarsi come una famiglia, ma soprattutto occupandosi della Roma, si occupa di qualcosa che è di famiglia per molte persone in questa città. Direi quasi tutte, ma magari poi la sindaca non è d'accordo. Ovviamente è e resta casa della Roma anche il centro sportivo Fulvio Bernardini dove è rimasta la parte sportiva, il cuore della nostra attività, un centro in cui abbiamo investito tanto per renderlo moderno e all'altezza delle sfide del calcio odierno, dove si fa molta scienza, tecnologia e bisogna essere al passo. Un centro di cui siamo molto orgogliosi ma che evidentemente ha bisogno di spazio per crescere ulteriormente. Non era la soluzione migliore per chi si occupa della parte sportiva avere anche dipendenti amministrativi come non era l'ideale per gli altri dipendenti lavorare in una struttura che era pensata quasi come una foresteria. Si tratta di stata una soluzione che si rendeva necessaria, noi abbiamo cercato per diverso tempo uno spazio e poi abbiamo trovato questo spazio che ci rende molto soddisfatti. Abbiamo riportato la Roma nel centro della città in quello che è un quadrante che storicamente si presta all'aspetto del lavoro con spazi dedicati a esso. L'edificio ha evidentemente un significato culturale e un altro impegno che ci eravamo presi era quello di riportarlo in condizioni di efficienza e esteticamente ottimali. Abbiamo fatto un lavoro anche per ripristinarne il valore storico-culturale e architettonico e devo dire grazie agli architetti che ci hanno lavorato per aver saputo mantenere i riferimenti alla storia, al razionalismo e allo stile "Impero" che vediamo dall'esterno che godiamo ora anche dall'interno. Siamo orgogliosi di essere riusciti a rientrare nel tessuto connettivo della città, per quello che vogliamo essere, sempre di più parte di questa Capitale".

SEGUI IL LIVE DELL'INAUGURAZIONE DELLA SEDE DELL'EUR