Dalla A alla Z

L'alfabeto di Roma-Verona: dal trionfo in Coppa Italia al pallonetto di Pjanic

Nei 34 precedenti interni, solo 2 sconfitte coi gialloblù: l’ultima nel '73. C’è un veronese in ogni Roma campione d’Italia: Masetti (’42), Faccini (’83) e Tommasi (2001)

18 Febbraio 2022 - 16:50

Nei 34 precedenti allo Stadio Olimpico tra Roma e Verona, solo 2 sconfitte per la squadra giallorossa: l'ultima nel 1973. C'è un calciatore veronese in ogni Roma campione d'Italia: Masetti ('42), Faccini ('83) e Tommasi (2001). 

Alberto

Alberto Ginulfi, il portiere che parò il rigore a Pelè in un'amichevole tra Roma e Santos, al termine della sue esperienza in giallorosso (dal 1962 al 1975), ha militato tra le fila del Verona nella stagione 1975-1976.

Berthold

Dopo essersi messo in luce con l'Eintracht Francoforte, Thomas Berthold arriva in Serie A nel 1987, acquistato dal Verona. Nel 1989 passa alla Roma, dove resta per due stagioni.

Colpo

Doveva essere il colpo decisivo per lo scudetto, ma non riuscì a mantenere le aspettative: Juan Manuel Iturbe viene acquistato dalla Roma dal Verona nell'estate del 2014 per una cifra vicina ai 25 milioni di euro. Nonostante un promettente inizio di stagione, l'argentino si perde per strada e dopo una serie di prestiti nel 2017 viene ceduto a titolo definitivo in Messico.

Damiano

Nella provincia di Verona e cresciuto nelle giovanili del club gialloblù, Damiano Tommasi passa alla Roma nell'estate del 1996, dopo tre stagioni in prima squadra con la maglia del Verona. Nella stagione 2000/2001 è uno dei giocatori più importanti per la conquista del terzo Scudetto (celebre la sua esultanza sotto il diluvio dopo un gol a Bergamo). Idolo della tifoseria per la sua abnegazione, sarà per sempre l'Anima Candida della Roma.

Esordio

Il 17 gennaio 2016 la Roma scende in campo guidata da Luciano Spalletti per la prima volta dopo l'addio del tecnico toscano all'inizio della stagione 2009/2010. L'avversario è il Verona, e la gara finisce 1-1: dopo il vantaggio firmato Radja Nainggolan, un rigore trasformato da Pazzini fissa il punteggio finale.

Spalletti in panchina nel Roma-Verona del gennaio 2016 (AS Roma via Getty Images)

Faccini

Il campione d'Italia con la Roma nel 1983 Paolo Alberto Faccini (solo 3 presenze in campionato coi giallorossi ma un gol alla prima giornata contro il Cagliari) è nato a Verona.

Goleada

Il Roma-Verona in cui sono stati segnati più gol risale al secondo turno della Coppa Italia 1997/1998. All'Olimpico la squadra allora allenata da Zeman batte i gialloblù 5-3 grazie ai gol segnati da Balbo, Aldair, Di Francesco e Di Biagio (autore di una doppietta).

Hellas

Sono solo due le vittorie ottenute dal Verona in trasferta contro la Roma in tutte le competizioni: il 2-1 del 23 marzo 1969 e l'1-0 del 28 gennaio 1973. Poi 25 vittorie romaniste e 7 pareggi.

Iorio

Attaccante della Roma campione d'Italia 1983, Maurizio Iorio passa in prestito al Verona nella stagione successiva a quella del secondo scudetto giallorosso. Torna alla Roma nel 1984.

Luca

Luca Toni approda alla Roma dal Bayern Monaco nella sessione invernale di mercato della stagione 2009/2010 e sfiora lo Scudetto contro l'Inter di Mourinho. Dopo alcune parentesi tra Genoa, Juventus e Fiorentina, nel 2013 a 36 Toni arriva al Verona, dove ritrova una seconda giovinezza: in 95 partite segna 48 gol, compresi quelli che gli permettono di vincere il titolo di capocannoniere della Serie A nel 2015.

Masetti

Portiere del primo scudetto, bicampione del Mondo e Hall of Famer della Roma. Guido Masetti, autentica leggenda della storia giallorossa, nasce a Verona e gioca tre stagioni con i gialloblù (1926-1929).

Nove

La striscia più lunga di vittorie consecutive infilata dalla Roma in casa contro il Verona in tutte le competizioni è di nove successi. Il filotto viene inanellato tra la stagione 1989/1990 e la stagione 2014/2015: 5-2, 1-0, 4-3, 5-3, 3-1, 3-1, 3-2, 3-0, 2-0.

Ottanta

Tra le tante differenze tra Roma e Verona, c'è un elemento che le accomuna: entrambe hanno vissuto il momento di massimo splendore negli Anni Ottanta. In quel decennio la Roma conquista uno Scudetto, 4 Coppe Italia e una finale di Coppa Campioni; il Verona vince il suo primo e unico titolo di Serie A (1985).

Pallonetto

Dopo l'esordio vincente a Livorno, il 1 settembre 2013 la Roma di Rudi Garcia vince anche la seconda gara di campionato battendo allo stadio Olimpico il Verona 3-0. Dopo l'autogol di Cacciatore, Miralem Pjanic sfodera un pallonetto di tottiana memoria dai 25 metri che vale il 2-0. Ljajic chiude i conti.

Quattro a tre

Il 9 marzo 1997 la Roma batte il Verona in casa 4-3 grazie a una firma allo scadere di Candela (autore di una doppietta, i suoi primi gol in giallorosso). Di Biagio e Totti gli altri marcatori.

Il gol di Totti valso il momentaneo 3-2 romanista

Rimonta

Nell'anno del Terzo Scudetto la Roma batte il Verona tra le mura di casa in rimonta. Allo stadio Olimpico la squadra di Capello va sotto per il gol di Camoranesi, e chiude in svantaggio il primo tempo. Nella ripresa però un'autorete di Apolloni riporta la gara in parità, poi Batistuta e Montella firmano il definitivo 3-1.

Scudetto

Uno degli artefici dello storico scudetto del Verona del 1985 è il difensore Luciano Marangon, che prima di approdare in gialloblù disputò una stagione (1981/1982) con la maglia della Roma.

Tre a uno

Il primo e l'ultimo confronto casalingo in gare ufficiali tra Roma è Verona sono terminati con il medesimo punteggio: 3-1. Il 9 ottobre 1927 i marcatori giallorossi furono Cappa (doppietta) e Fasanelli; la scorsa stagione, il 31 gennaio 2021, Mancini, Mkhitaryan e Mayoral.

Ultimo

Nella stagione 1982/1983 la Roma batte in casa il Verona 1-0 con un rigore trasformato all'ultimo minuto da Di Bartolomei.

Vittoria

Verona vuol dire anche Vittoria. Nella stagione 1983/1984 la Roma vince la sua quinta Coppa Italia battendo in finale proprio i gialloblù: dopo l'1-1 dell'andata al Bentegodi, al ritorno all'Olimpico la squadra di Liedholm vince 1-0 grazie all'autorete di Ferroni.

Zigoni

Dopo aver militato nella Roma dal 1970 al 1972, Giancarlo Zigoni passa al Verona dove resta fino al 1978.

© RIPRODUZIONE RISERVATA