Durante la puntata de "I soliti ignoti" andata in onda venerdì scorso su Rai 1, una partecipante è divenuta l'idolo dei social network giallorossi per aver detto: «La cosa che non farei mai nella vita? Diventare della Lazio». Una "bravata"? Niente affatto, tutto nelle regole del gioco. Luciana, tifosa giallorossa che gestisce un lavaggio camion a Roma Est, ha svolto il ruolo di "ignoto" nel gioco presentato da Amadeus, fornendo alcuni indizi al concorrente in gara che doveva indovinare la sua professione. Oltre ad affermare che non lavora seduta su una scrivania e che non prende mai il caffè in piedi, ha risposto alla domanda su cosa non farebbe mai nella vita. E lo ha fatto nella maniera più istintiva, naturale e sincera che potesse. «Non immaginavo che si sarebbe scatenato questo putiferio». E invece Luciana, che dopo aver registrato la puntata lo aveva detto solo a poche persone, si è vista poi inondare la bacheca di messaggi da parte di amici e conoscenti che l'hanno riconosciuta nell'articolo condiviso dal sito de Il Romanista. Su Facebook, la sua notizia ha raggiunto 82mila contatti e collezionato oltre duemila "like". Pentita? «Assolutamente no. È un'affermazione di cui sono convintissima, mi è venuta spontanea».

«Nel video circolato sui social mi si vede tornare subito seria», ci tiene a spiegare, «ma in realtà mi veniva da ridere. Tutto il pubblico in sala mi ha applaudita, Amadeus ha risposto con una battuta e mi sono dovuta trattenere». La scelta di manifestare tutto il suo romanismo nel bel mezzo di un gioco televisivo è spiegata così: «Aver potuto dire una cosa del genere in pubblico per me è stata una goduria. Come quando ti chiedono di dove sei e dici "so' de Roma". E allora se mi chiedono cosa non farei mai nella vita, rispondo essere laziale».
Adesso Luciana è in clinica, perché poco dopo aver registrato la puntata si è infortunata a una gamba. «Sono diventata amica di un infermiere perché mentre sono qui sto leggendo il libro di Totti, che ha ricevuto mio figlio per Natale. Dopo aver visto il mio video sui social, l'infermiere è venuto a dirmi che vuole un autografo! A proposito... Francesco, se leggi questa intervista, per me sarebbe un sogno se mi venissi a trovare mentre sono ricoverata per firmare il libro a mio figlio!».