Di fischi ne aveva presi, in passato, senza mai un gesto di stizza. Oggi, invece, Patrik Schick è uscito tra gli applausi a scena aperta dei 35mila romanisti che hanno popolato l'Olimpico. Un rigore procurato, poi trasformato dallo specialista Diego Perotti, e poi un gol segnato a tu per tu con Consigli con quella freddezza che spesso gli era mancata. E poi, soprattutto, una partita di carattere: tentativi di giocate di qualità, richiami ai compagni e una presenza fisicamente più convincente al centro dell'attacco. Patrik Schick contro il Sassuolo si è preso l'Olimpico, ora, complice le condizioni non ottimali di Dzeko, dopo un avvio fi stagione incolore starà a lui mantenere alto l'entusiasmo dei tifosi giallorossi nei suoi confronti.