C'è una Nazionale che il suo campionato del Mondo se lo gioca. È quella che tra domenica e mercoledì prossimo sarà impegnata al PalaTiziano di Roma nel ‘Dream World Cup 2018', il Campionato Mondiale di Calcio a 5 per pazienti psichiatrici.

Saranno oltre 140 i giocatori che si affronteranno. Dieci i Paesi rappresentati. La seconda edizione del Mondiale, che fa seguito a quella organizzata nel 2016 in Giappone e che sarà ospitata dall'Italia nel quarantesimo anniversario della Legge Basaglia, vedrà coinvolte oltre 200 organizzazioni tra associazioni sportive, strutture sanitarie e centri di salute mentale di tutto il mondo.

L'Italia affronterà Ungheria, Cile, Peru e Ucraina, mentre nel Girone B si contenderanno il passaggio del turno i campioni del mondo in carica del Giappone, Francia, Argentina, Spagna e Senegal. Proprio la partecipazione degli africani è in dubbio per mancanza dei fondi necessari ad organizzare la trasferta.

La storia della Dream World Cup nasce da lontano, nel 2004, quando il film "Matti Per il Calcio" viene autoprodotto e realizzato da Francesco Trento e Volfango De Biasi, con l'aiuto del Professor Santo Rullo. In questo film viene narrata l'esperienza della squadra di calcio a 5 del "Gabbiano", composta interamente da pazienti psichiatrici. Questi, lavorando insieme, in gruppo, superano in parte le loro paure, sentendosi "integrati" tra loro e stando meglio come singoli. Da questo documentario, si svilupperà un movimento.

Nel 2015, alcuni psichiatri giapponesi, affascinati dal progetto, vollero incontrare Santo Rullo, e tornati in Giappone decisero di organizzare un Campionato del Mondo di Calcio a 5 per persone con disabilità mentale. La storia del mondiale giapponese è ormai nota, con la storia della Nazionale Italiana raccontata nei dettagli dal successivo film "Crazy For Football", vincitore del David di Donatello nel 2017. I biglietti per l'evento sono gratuiti e sono scaricabili al sito internet www.dreamworldcup.net/tickets/rall.