Nella conferenza stampa di presentazione di Verdi, il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha deciso di rispendere a Nkoulou, che oggi ha rilasciato un'intervista polemica a L'Equipe per la mancata cessione: "Nkoulou? Nessuna novità. Il giocatore sa quello che deve fare rispetto a società, mister e compagni. Quello che ha detto a L'Equipe? Lui è arrivato da noi due anni fa, io non trattai nemmeno la cosa. Mi era stata prospettata l'idea di prenderlo in prestito con diritto di riscatto. L'anno seguente il procuratore mi disse che c'era su di lui il Siviglia. Mi ha detto che c'era stata una promessa da parte dell'ex direttore sportivo di cedere il giocatore, ma a me non era mai stata comunicata. Per rimanere con noi e avere la testa giusta, mi ha chiesto di ascoltare le opportunità e l'ho fatto. Ma devono essere offerte adeguate, a maggior ragione se si tratta di società concorrenti alla nostra. Il tema si risolve nelle sedi opportune: con la squadra, con il mister e con la società. Perché il Torino aveva degli obiettivi e non li ha centrati. Questo non vuol dire che è colpa sua l'eliminazione dell'Europa League, ma il suo comportamento mi ha fatto male, così come quell'eliminazione".